Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6374 - Grotta dello Scarpone Mordace

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta dello Scarpone Mordace
Nome principale sloveno
Numero catasto 6374
Numero catasto storico 3691FR
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 10-08-1999
Scopritore Premiani - Furio
Gruppo scopritore GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Resia
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 049081 - Monte Musi
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5131592,0
Longitudine Gauss-Boaga 2390200,0
Latitudine WGS-84 46° 19' 30,9245" (46,3252568)
Longitudine WGS-84 13° 18' 49,4023" (13,31372287)
Latitudine UTM WGS-84 5131568,5
Longitudine UTM WGS-84 370195,7
Quota ingresso 1620
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 13
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 23
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 18.4
Dislivello totale 18.4
Quota fondo 1601.6
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso della cavità si trova 200m a Sud del Circo Glaciale di Quota 1404.3, in un profondo canalone orientato N-S. Nelle vicinanze si aprono almeno altre 10 cavità.
La zona è raggiungibile seguendo il sentiero tracciato dai cacciatori che da quota 1430 si inerpica lungo uno scosceso canalone, fino alla conca glaciocarsica di quota 1494,3. Da qui, prendendo sulla destra un inclinato piano erboso si giunge alla caverna-ricovero (4068-2290FR) di quota 1530. Proseguendo su facili roccette e seguendo le tracce di vernice rossa, ci si inerpica lungo la dorsale di quota 1600, passando per la Caverna Grande (5006-2776FR). Ad un certo punto del sentiero, sulla sinistra salendo, un'indicazione scritta sulle rocce mostra l'ingresso di una cavità siglata MAR 10, che è la prima della zona.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità è composta da due vani attigui collegati da una breve galleria discendente, entrambi sono impostati su di un'unica frattura orientata N-S. Il pozzo d'ingresso, largo 3m, ha le pareti lisce ed il fondo ingombro di neve che impedisce ogni prosecuzione.
Risalendo una leggera china detritica si può scendere successivamente lungo una breve galleria, per sbucare in un altro ambiente ingombro di massi crollati dalla volta e dalle pareti. Sul soffitto un arrivo d'acqua, impraticabile, mette fine alla cavità.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 10-08-1999