Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 636 - Baratro a N di Basovizza

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Baratro a N di Basovizza
Nome principale sloveno
Numero catasto 636
Numero catasto storico 2837VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110113 - Padriciano
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5056026,0
Longitudine Gauss-Boaga 2431222,0
Latitudine WGS-84 45° 39' 6,8205" (45,65189458)
Longitudine WGS-84 13° 51' 37,8657" (13,86051826)
Latitudine UTM WGS-84 5056003,2
Longitudine UTM WGS-84 411215,7
Quota ingresso 380
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 12
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 31.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 20
Dislivello totale 20
Quota fondo 360
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità Questo largo baratro si apre al margine di una pineta e il suo fondo è raggiungibile senza attrezzatura, scendendo lungo la parete Sud che presenta numerosi ripiani e ballatoi coperti da vegetazione. Sul lato NE scende ancora un piccolo pozzo separato da un ponte di roccia.
Attorno al 1969 alcuni ignoti scavatori misero allo scoperto un cunicolo piuttosto stretto e povero di concrezioni. In alcuni punti le pareti sono ricoperte da uno strato di mondmilch (latte di monte). Il cunicolo presenta due strettoie allargate artificialmente e una frattura che termina in un salto di circa 1,5m. L'entrata del cunicolo sembra avere qualche altro proseguimento che però attualmente è ostruito da pietrame.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 12-05-1973