Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6358 - Pozzo Gg 5

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo Gg 5
Nome principale sloveno
Numero catasto 6358
Numero catasto storico 3675FR
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 06-08-1999
Scopritore Premiani - Furio
Gruppo scopritore GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Resia
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 049081 - Monte Musi
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5132363,0
Longitudine Gauss-Boaga 2389852,0
Latitudine WGS-84 46° 19' 55,653" (46,33212582)
Longitudine WGS-84 13° 18' 32,3658" (13,30899049)
Latitudine UTM WGS-84 5132339,5
Longitudine UTM WGS-84 369847,7
Quota ingresso 1438
Data esecuzione posizione 11-08-2005
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 6.5
Autore posizione Malandrino Paolo
Gruppo appartenenza GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 8.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 6.5
Dislivello totale 6.5
Quota fondo 1431.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità è ubicata al di sotto della spalla glaciale di quota 1430, nell'acrocoro del Monte Musi. L'area è caratterizzata da una pendenza molto accentuata e da una folta vegetazione. Per raggiungerla si segue il sentiero che conduce alla Caverna - chiesetta della Madonna dei Cacciatori (5010-2780FR), sotto alla Viliki Rop. Da quota 1430, percorsi circa 350m di sentiero, si giunge al bivio fra il canalone che scende dal Forte Excalibur (5457-3021FR) e la continuazione del sentiero in direzione WNW. Da questo punto ci si inoltra nella boscaglia e, dopo circa un centinaio di metri di accidentati dirupi in direzione N, si giunge nella zona in cui si aprono gli ingressi di alcune cavità. L'imbocco in questione si trova in corrispondenza di un canale prodotto dall'affioramento delle teste degli strati.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo è impostato su di una frattura orientata 110°-290°, ed è classificabile come pozzo di corrosione profonda. Si tratta di una stretta cavità a fessura, verticale, leggermente obliqua. Per tutto il suo sviluppo si può vedere la frattura generatrice. La cavità è interessata da una percolazione dispersa che genera un meccanismo di dissoluzione. Enormi crolli graviclastici occludono possibili prosecuzioni.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 06-08-1999