Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6348 - Abisso della Farfalla

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso della Farfalla
Nome principale sloveno
Numero catasto 6348
Numero catasto storico 6151VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 31-12-1998
Scopritore Tosone - Daniele
Gruppo scopritore GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta
Carta CTRN 1:5.000 110063 - Borgo Grotta Gigante
Tipo posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5062767,0
Longitudine Gauss-Boaga 2422668,1
Latitudine WGS-84 45° 42' 41,067" (45,71140749)
Longitudine WGS-84 13° 44' 57,8856" (13,74941268)
Latitudine UTM WGS-84 5062744,2
Longitudine UTM WGS-84 402662,1
Quota ingresso 244
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione 5° gruppo riposizionamento regionale GPS (2006)
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 5.4
Autore posizione Grillo Barbara
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 11.6
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 94.8
Dislivello totale 94.8
Quota fondo 149.2
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Il pozzo si apre appena fuori dal versante Sud della stessa dolina sul cui fondo si apre la 1322/4261VG (Pozzo a SW della Stazione Ferroviaria di Prosecco), da cui dista 30m circa in direzione Sud.
Percorso il sentiero che attraversa il prato antistante lo svincolo di Prosecco sulla SS 202 (vicino all'attuale comprensorio Mobili Lanza), si imbocca la traccia, che punta diritta nella boscaglia, che si apre a circa 70-80m sulla sinistra del sentiero. Si segue tutta la traccia segnata nel mezzo del prato e dopo poche decine di metri, appena oltrepassata sulla sinistra una bassa dolina di forma allungata, con una parete di roccia molto riconoscibile, si oltrepassa un muretto carsico e si procede per una ventina di metri in direzione Nord.
Vicino ad un altro muretto carsico e ad alcuni banchi di calcare (quasi sul bordo della dolina), si apre l'ingresso della cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità Dopo il pozzetto d'accesso, una strettoia, che è stata forzata, (p.to 1 del rilievo) porta in un passaggio basso ed allungato che termina sull'orlo del primo pozzo, di 39m. Il pozzo è completamente concrezionato e di forma ellissoidale fino quasi al suo fondo, dove tende a restringersi e ad essere caratterizzato da massi di crollo ormai saldati da concrezioni. A circa un terzo della discesa si incontra un ripiano inclinato (p.to 3), completamente concrezionato e caratterizzato da lunghe stalattiti e da una bella colonna calcitica bianca, lunga alcuni metri.
Sul fondo del pozzo un passaggio laterale non dà spazio ad ulteriori prosecuzioni, mentre, tra i massi si trova l'accesso (p.to 4) al pozzo successivo (P10), dalle pareti concrezionate.
Il fondo di questo pozzo è quasi piatto ed è formato da depositi oramai concrezionati. Tra il fondo e la parete laterale si trova la stretta prosecuzione che porta al terzo pozzo, di 29m.
La morfologia di questo ambiente è completamente diversa da quelli soprastanti: le pareti del pozzo sono completamente erose e caratterizzate da lame. Il pozzo, scendendo, si allarga, pur mantenendo una forma ad "L" (sez.C-C'); circa 14 metri sotto la strettoia d'accesso, si incontra un ripiano (p.to 10) formato da materiale instabile. Il fondo del pozzo, dalla sezione ellissoidale, è costituito da materiale clastico.
Tre metri sotto al ripiano, una caratteristica finestra dà accesso ad un piccolo vano (p.to 15) nel quale, oltre ad una strettoia, si apre un pozzo parallelo, di 15m, anch'esso eroso e sovrastato da un camino: il fondo di questo pozzo porta alla massima profondità finora raggiunta nella cavità.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 12-12-1999
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso