Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 634 - Pozzo ad ENE di Villa Opicina

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo ad ENE di Villa Opicina
Nome principale sloveno
Numero catasto 634
Numero catasto storico 3578VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110101 - Villa Opicina
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5061074,0
Longitudine Gauss-Boaga 2427573,0
Latitudine WGS-84 45° 41' 48,6394" (45,69684428)
Longitudine WGS-84 13° 48' 45,8549" (13,81273747)
Latitudine UTM WGS-84 5061051,1
Longitudine UTM WGS-84 407566,9
Quota ingresso 313
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 20.5
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 8
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 26.7
Dislivello totale 26.7
Quota fondo 286.3
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si trova in una radura posta a Sud della linea ferroviaria per Sesana, esattamente tra il palo n.58 e quello n.60, ad una trentina di metri dalle rotaie e a 10m circa da un muretto a secco parallelo alla ferrovia. L'apertura è coperta con una suoletta di cemento che però è stata aperta quanto basta per permettere il passaggio.
Descrizione dei vani interni della cavità L'imbocco è di forma allungata ed il pozzo continua poi perfettamente verticale fino al fondo, occupato da una china detritica che porta ad una strettoia, al di là della quale c'è ancora un breve salto.
Alcune delle caratteristiche della cavità hanno fatto sorgere il dubbio che si tratti della 193VG, mai rintracciata e quindi si potrebbe verificare la cosa effettuando uno scavo da effettuare prima del pozzetto finale, dove dovrebbe trovarsi il passaggio ostruito.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 24-04-1938