Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6295 - Banana Split

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Banana Split
Nome principale sloveno
Numero catasto 6295
Numero catasto storico 3638FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050024 - Stretti
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5138227,0
Longitudine Gauss-Boaga 2400453,0
Latitudine WGS-84 46° 23' 12,5961" (46,38683225)
Longitudine WGS-84 13° 26' 42,6249" (13,44517358)
Latitudine UTM WGS-84 5138203,2
Longitudine UTM WGS-84 380448,6
Quota ingresso 1535
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 23
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 94
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 5
Dislivello negativo 25
Dislivello totale 30
Quota fondo 1510
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Seguendo il sentiero detto "Troi dai Sacs", che da Casera Goriuda porta a Sella Nevea, dopo circa 15 minuti di cammino si incontra un canalone che intercetta il sentiero e che punta diritto verso il Pic Ladris. Lo si segue; a monte, per circa 20m, fino a giungere in vista del grande pozzo d'accesso.
Descrizione dei vani interni della cavità Alla base dell'ampio pozzo d'accesso, seguendo la frattura principale, un'arrampicata di 5m immette in un meandro, dapprima stretto, che si allarga man mano, sino a sboccare in una caverna (p.to 4). Da questa si dipartono due vie: la prima, dopo un pozzetto di circa 2m, finisce quasi subito in un restringimento. La seconda, dopo un'arrampicata di 5m, arriva su di un ghiaione pensile oltre al quale si incontra nuovamente il meandro principale che, dopo una ventina di metri, porta in una piccola caverna in salita, ingombra di massi, che dà l'impressione di essere a pochi metri dall'esterno.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 05-09-1999