Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6246 - Grotta della Scheggia

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta della Scheggia
Nome principale sloveno
Numero catasto 6246
Numero catasto storico 6118VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 22-03-1998
Scopritore Tosone - Daniele
Gruppo scopritore GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 109041 - Malchina
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5071351,8
Longitudine Gauss-Boaga 2413732,7
Latitudine WGS-84 45° 47' 14,4281" (45,78734115)
Longitudine WGS-84 13° 37' 57,9426" (13,63276184)
Latitudine UTM WGS-84 5071329,0
Longitudine UTM WGS-84 393727,0
Quota ingresso 155
Data esecuzione posizione 24-05-2019
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0.5 x 0.5 m
Tipo ingresso Cunicolo
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Grassi Roberto
Gruppo appartenenza FLONDAR - Gruppo Speleologico Flondar
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 11
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 7.3
Dislivello totale 7.3
Quota fondo 147.7
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Dall'ampio parcheggio all'imbocco del sentiero asfaltato per il Monte Cocco, si prosegue lungo la strada per circa 1Km, fino ad incrociare, sul lato destro, il sentiero che riporta verso Ceroglie. Imboccandolo, dopo circa 400m, si giunge al tracciato dell'oleodotto. Si scavalca il muretto a secco, si scende per poche decine di metri lungo la striscia disboscata dell'oleodotto e, sul bordo sinistro della striscia, si trova la piccola dolina nella quale, tra le rocce affioranti, si apre la cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso è costituito da un basso cunicolo inclinato, di circa 4m, che conduce all'unico vano successivo. Tutto il fondo della grotta è costituito da un enorme deposito di terriccio e pietrisco; un tentativo di scavo nel punto più basso della cavità (p.to 4), non ha evidenziato altre possibili prosecuzioni e l'assenza di circolazione d'aria ha indotto ad interrompere i lavori di ricerca.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 22-03-1998
Foto
Data dello scatto: 07-12-2019

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: De Palo Gianni

Gruppo di appartenenza: FLONDAR - Gruppo Speleologico Flondar

Data dello scatto: 24-05-2019

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: De Palo Gianni

Gruppo di appartenenza: FLONDAR - Gruppo Speleologico Flondar

Data dello scatto: 24-05-2019

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: De Palo Gianni

Gruppo di appartenenza: FLONDAR - Gruppo Speleologico Flondar