Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6161 - Grotta dell'Acero

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta dell'Acero
Nome principale sloveno
Numero catasto 6161
Numero catasto storico 6100VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 31-12-1998
Scopritore Bone - Natale
Gruppo scopritore CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Data scoperta 31-12-1998
Scopritore Savi - Glauco
Gruppo scopritore CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110101 - Villa Opicina
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5060530,3
Longitudine Gauss-Boaga 2428563,2
Latitudine WGS-84 45° 41' 31,5" (45,69208333)
Longitudine WGS-84 13° 49' 32" (13,82555556)
Latitudine UTM WGS-84 5060507,5
Longitudine UTM WGS-84 408557,1
Quota ingresso 325
Data esecuzione posizione 08-05-2011
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1m x 1m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 10
Autore posizione Restaino Marco
Gruppo appartenenza SAS - Società Adriatica di Speleologia
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 27
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 37
Dislivello totale 37
Quota fondo 288
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Dal vecchio passaggio a livello, ora chiuso, sul sentiero che porta alla 101/157VG (Abisso tra Fernetti e Orle), si prosegue in direzione Sud per 25m: giunti ad un bivio, si prende a sinistra e si continua per una cinquantina di metri, fino a giungere ad un secondo bivio. Qui si prende a destra e, dopo una decina di metri, si deve cercare, sulla sinistra, lo sprofondamento, nascosto dalla vegetazione (soprattutto rovi), in cui si apre l'imbocco della 2912/4897VG (Grotta presso la 157VG): la Grotta dell'Acero si trova sotto ad un roccione, 13m in direzione 180°+20°W, accanto ad un giovane acero.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo d'accesso, di una decina di metri, è reso complesso dalla presenza di strozzature e piccoli ripiani e termina in un'angusta saletta concrezionata. Al vertice WSW una fessura dà sul secondo pozzo, interrotto da un paio di ponti naturali, che termina in un ambiente ben concrezionato da cui si dipartono un breve cunicolo e due pozzi; sceso il primo saltino (p.to 6), uno scivolo porta all'ultimo salto e quindi alla sala terminale, concrezionata e sormontata da alti camini.
Tornando al pozzo d'accesso, a circa 6m di profondità (p,to 2 del rilievo), in direzione SW, si trova n pozzo di 10m, che chiude sul fondo ma, risalendolo per circa 1m dalla base è possibile raggiungere un il fondo di un pozzo parallelo a quello appena disceso dove, tramite un altro passaggio allargato artificialmente, si giunge all'imbocco di un P18, piuttosto spazioso e interessato da alcuni ponti naturali che lo dividono per quasi tutta la sua profondità. Lungo la discesa si incontrano enormi quinte di roccia ed un effimero ponticello nauirale poco stabile. Il fondo è costituito da un ammasso di sfasciumi lapidei e di fanghiglia. Qui si trova anche l'imbocco di un minuscolo pozzetto intasato da pietrame e sul lato opposto a questo, un'esigua frattura verticale, leggermente soffiante e concrezionata, in cui le pietre scendono ancora per circa 5-6m, rimbalazndo tra le pereti di un ambiente molto poco spazioso.
Qualche metro più in alto dell'imbocco del P18, si apre una strettoia che comunica con una cavernetta concrezionata che potrebbe riservare qualche sorpresa. Lo stesso vale per il camino del pozzo stesso, che più in alto lascia intravedere un notevole allargamento.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 16-01-1999
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso

Data dello scatto: 08-05-2011

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Restaino Marco

Gruppo di appartenenza: SAS - Società Adriatica di Speleologia

Data dello scatto: 08-05-2011

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Restaino Marco

Gruppo di appartenenza: SAS - Società Adriatica di Speleologia