Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6158 - Abisso del Colle dell'Anitra

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso del Colle dell'Anitra
Nome principale sloveno
Numero catasto 6158
Numero catasto storico 6099VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110061 - Colle dell’Anitra
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5064587,9
Longitudine Gauss-Boaga 2426595,0
Latitudine WGS-84 45° 43' 42,0016" (45,72833378)
Longitudine WGS-84 13° 47' 58,2098" (13,79950271)
Latitudine UTM WGS-84 5064565,0
Longitudine UTM WGS-84 406589,0
Quota ingresso 333
Data esecuzione posizione 03-03-2015
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0.60 x 0.50m
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 2.4
Autore posizione Benedetti Gianni
Gruppo appartenenza GTS - Gruppo Triestino Speleologi
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 19
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 67.6
Dislivello totale 67.6
Quota fondo 265.4
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Partendo dal piazzale asfaltato da dove partono i sentieri per il Monte Lanaro si prosegue per circa 50m lungo la carrareccia che porta al poligono di tiro, imboccando, quindi, il sentiero che si diparte sulla destra arrivando così fino alla tettoia del poligono. Lasciatasi la tettoia alle spalle, si raggiunge, continuando per sempre lungo il sentiero, il laghetto che si trova in una conca a pochi minuti di cammino. Dopo averlo aggirato fino a quasi metà, si sale lungo il pendio prospiciente fino ad incontrare l'imbocco.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità, composta da una sequenza di tre pozzi, si apre con un pozzetto che immette in un'enorme frattura, dalle pareti compatte e poco calcificate, sulla quale è impostata l'intera cavità.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-10-1998
Foto
Data dello scatto: 03-03-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Benedetti Gianni

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Data dello scatto: 03-03-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Benedetti Gianni

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi