Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6146 - Abisso Amore quanto Latte

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso Amore quanto Latte
Nome principale sloveno
Numero catasto 6146
Numero catasto storico 3533FR
Numero totale ingressi 2

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050034 - Monte Cergnala
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5137280,0
Longitudine Gauss-Boaga 2404734,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 44,5989" (46,37905526)
Longitudine WGS-84 13° 30' 3,8251" (13,50106252)
Latitudine UTM WGS-84 5137256,2
Longitudine UTM WGS-84 384729,5
Quota ingresso 2010
Data esecuzione posizione 01-01-2007
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 15
Autore posizione Non specificato
Gruppo appartenenza NN - Sconosciuto
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 852
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 740
Dislivello totale 740
Quota fondo 1270
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Da Sella Nevea si segue il sentiero 636 e raggiunto il bivio, si continua in direzione del Bivacco Modonutti - Savoia. Arrivati in corrispondenza della grande depressione che si estende sulla destra, tra la Forca del Poviz ed il Monte Cergnala, ci si deve addentrare tra i karren, allontanandosi dal sentiero per circa 200m, proprio tra la fine di un'enorme placca inclinata ed una vallecola attraversata da una lunga frattura. Qui, alla base di un enorme blocco si apre l'ingresso della cavità, caratterizzato da un ponte naturale.
Descrizione dei vani interni della cavità L'abisso ha due pozzi d'accesso che confluiscono in una saletta inclinata dove una fessura porta in un canyon sfondato, intervallato da pozzetti, concluso da un bel pozzo di 53m, a campana, che termina in una sala. Tra i blocchi di frana sul lato Est della sala, una strettoia conduce in una breve condottina, seguita da una seconda strettoia e da un'arrampicata di circa 5m che porta all'imbocco del dell'enorme pozzo di 293m. La discesa di questa verticale è intervallata da numerosi terrazzi, tra i quali uno molto grande dopo circa 150m. La cavità continua con una serie di pozzi, sempre tutti molto ampi, ai quali segue un meandro, dopo il quale continua la serie dei pozzi, l'ultimo dei quali è profondo 60m. Alla base di quest'ultimo la grotta si divide in due rami. Il primo si biforca a sua volta e da una parte si conclude con un tratto allagato (sifone?), dall'altra con un pozzo di 20m che chiude nella ghiaia (-605).
Tornando al pozzo di 60m, è possibile con un pendolo, raggiungere un terrazzo e scendendo per circa 20m, traversare sulla destra, in corrispondenza di una finestra, per imboccare così, un lunghissimo meandro, intervallato da pozzi, fino ad una sala. Qui, dopo aver attraversato uno sfondamento cieco, si risale una frana nella quale un passaggio permette di riprendere il meandro principale. La discesa continua con dei pozzetti e quindi si risale per una decina di metri in una condotta freatica che porta di nuovo sul meandro, il quale, in questa zona, ha le pareti coperte di fango. Al suo termine si apre un pozzo di 60m, alla cui base un corto meandro dà su un P35. Dalla base, dopo un traverso in artificiale, si affronta un'aerea traversata che porta ad imboccare l'ultimo pozzo della grotta, di 45m, caratterizzato da un enorme specchio di faglia. Il fondo della cavità è costituito da una grande sala dal suolo in forte pendenza sormontata da un enorme camino. Nella sua parte alta è possibile scendere tra i blocchi di frana ma il proseguimento diventa ben presto impraticabile.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-08-1998