Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6121 - Pozzo della Cometa

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo della Cometa
Nome principale sloveno
Numero catasto 6121
Numero catasto storico 6080VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 31-12-1997
Scopritore Englandi - Sergio
Gruppo scopritore GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110013 - San Pelagio
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5068666,5
Longitudine Gauss-Boaga 2417314,5
Latitudine WGS-84 45° 45' 49,392" (45,76372)
Longitudine WGS-84 13° 40' 45,84" (13,6794)
Latitudine UTM WGS-84 5068643,7
Longitudine UTM WGS-84 397308,7
Quota ingresso 185
Data esecuzione posizione 31-01-2012
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0,7 x 0,5
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 7.5
Autore posizione Germanis Roberto
Gruppo appartenenza AXXXO - Associazione XXX Ottobre
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 6
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 19.5
Dislivello totale 19.5
Quota fondo 165.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso si trova in un vasto campo solcato ad una trentina di metri dal pilone n°116 della vicina linea di alta tensione. Per raggiungere l'ingresso della cavità si prende la strada che dalla chiesetta di San Pelagio conduce alla Grotta Lindner (829/3988VG). Abbandonata la strada asfaltata ed imboccata la strada forestale sulla sinistra, si continua per circa 150m, giungendo così alla prima curva a gomito verso destra di questo tratto di sentiero. A questo punto, invece di continuare lungo il sentiero, ci si inoltra verso sinistra su una traccia che costeggia un muretto carsico. Dopo 200m, seguendo il muro ed aggirando una dolina, si giunge all'ingresso della cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità si sviluppa su di un'unica frattura che ha orientamento 20°-200°. Il pozzo nel quale sono presenti lame di roccia, è in fase di ringiovanimento. Il pozzo, a vari livelli, è riempito di materiale di crollo ed argilla. La possibile prosecuzione in verticale è impedita dalla ristrettezza dei vani e dalle ostruzioni di clasti.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-12-1997
Foto
Data dello scatto: 31-01-2012

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Dal Maso Alberto

Gruppo di appartenenza: AXXXO - Associazione XXX Ottobre

Data dello scatto: 31-01-2012

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Dal Maso Alberto

Gruppo di appartenenza: AXXXO - Associazione XXX Ottobre