Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6108 - Grotta inferiore Riu Muart

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta inferiore Riu Muart
Nome principale sloveno
Numero catasto 6108
Numero catasto storico 3503FR
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 31-12-1993
Scopritore Mazzilis - Roberto
Gruppo scopritore GORTANI - Gruppo Speleologico Carnico M. Gortani
Data scoperta 31-12-1993
Scopritore Serra - Sergio
Gruppo scopritore PRIVATO - Nessun gruppo di appartenenza

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Udine
Comune Villa Santina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048044 - Assais
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5139335,0
Longitudine Gauss-Boaga 2361526,0
Latitudine WGS-84 46° 23' 19,6871" (46,38880196)
Longitudine WGS-84 12° 56' 19,8019" (12,93883386)
Latitudine UTM WGS-84 5139311,9
Longitudine UTM WGS-84 341522,3
Quota ingresso 651
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 93
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 3
Dislivello negativo 2
Dislivello totale 5
Quota fondo 649
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre sulla sinistra idrografica del Rio Morto, una decina di metri al di sotto della rotabile che lo attraversa per mezzo di un ponte. Nei pressi si rinvengono i resti di un forno per la produzione di calcina o carbone.
Dall'ingresso della grotta esce un breve rio, normalmente in secca, che dopo una decina di metri si getta nel Rio Morto.
Descrizione dei vani interni della cavità Il basso ingresso dà accesso ad una saletta sulla cui destra una modesta venuta d'acqua si perde in una pozza. Un corridoio, basso ed ingombro di clasti, porta dopo pochi metri ad un piccolo inghiottitoio interno, ce raccoglie le acque che fuoriescono dal sovrastante sifone. Sulla sinistra è possibile avanzare ancora per qualche metro, incuneandosi tra i massi di crollo.
Il sifone è superabile svuotandolo con di un tubo di gomma lungo una decina di metri, da posizionarsi nell'inghiottitoio. E', ovviamente, necessario attendere parecchie ore o, meglio, ripassare il giorno dopo. In ogni caso, nei periodi di siccità il sifone va in secca.
Conviene comunque superare questo tratto tenendosi sulla sinistra (sulla destra ci sono grandi pozze, unici residui del sifone), strisciando in un ambiente concrezionato ricoperto da belle vaschette; dopo una decina di metri si raggiunge l'orlo di una grossa vasca che provoca un restringimento oltre al quale si trova una salettina in cui si può finalmente stare in piedi. La saletta, attraversata da un'evidentissima discontinuità, è abbellita da un gruppo di belle concrezioni, mentre sul pavimento si trova un'ulteriore pozza.
Con una facile arrampicata si può risalire la discontinuità, raggiungendo così una sala, debolmente concrezionata, ingombra di materiale di crollo di ogni dimensione. Sul soffitto spiccano numerose concrezioni a cavolfiore. Sulla destra, due stretti passaggi fanno intravedere un ambiente sottostante, forse cieco. Sulla sinistra, evidenze di un antico ruscellamento.
Alla sala segue una galleria zigzagante, impostata lungo piani di strato, abbastanza ampia ed in leggera discesa, piuttosto scivolosa e spesso ricoperta da ciottoli e crolli; superato un tratto molto concrezionato ed un blocco di strato staccatosi dal soffitto, la galleria si biforca. A sinistra si ferma dopo una decina di metri, con un laghetto sifonante; a destra ci si infila in una galleria rettangolare dal fondo sabbioso, che dopo pochi metri è interrotta da un profondo lago sifonante. Il ruscello che vi esce si perde in una pozzetta che comunica col vicino sifone.
Quasi tutte la gallerie sono scavate in interstrato, con la volta costituita da piani di strato.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 10-04-1994