Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6090 - Caverna 3° a NW del Pic di Carnizza

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Caverna 3° a NW del Pic di Carnizza
Nome principale sloveno
Numero catasto 6090
Numero catasto storico 3491FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Resia
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050023 - Monte Canin
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5135867,0
Longitudine Gauss-Boaga 2399237,0
Latitudine WGS-84 46° 21' 55,387" (46,36538529)
Longitudine WGS-84 13° 25' 47,9042" (13,42997339)
Latitudine UTM WGS-84 5135843,3
Longitudine UTM WGS-84 379232,6
Quota ingresso 2100
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 28
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 10
Dislivello totale 10
Quota fondo 2090
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Dal Bivacco "E. Marussich" si torna, per pochi metri, sul sentiero che porta al Rifugio Gilberti, quindi si sale a destra su uno sperone roccioso e si seguono i triangoli rossi che contrassegnano l'Alta Via Resiana. Si raggiunge, in breve, il crinale, dove la vista spazia liberamente sulla parete NW del Pic di Carnizza e sulla Val Resia. In parete, si notano due ingressi di caverne. Si prosegue ancora verso l'attacco dell'Alta Via Resiana, sino a raggiungere un'evidente breccia: poco più avanti (ometto), si incontra un canalone ghiaioso che si scende, in traversata su rocce marce ed instabili, fino a raggiungere la Caverna 1° a NW del Pic di Carnizza (6064/3474FR). Da qui si traversa, per un breve tratto, sotto le pareti del Pic di Grubia, quindi ci si abbassa lungo una costola erbosa che si eleva di poco sui colatoi di ghiaia e detriti ( che si riversano dalle sottostanti pareti strapiombanti nel letto secco del Rio Ronc). Si risale dall'altra parte della costola e si punta in direzione di una grande frattura-colatoio. Alla base della parete si trova l'ingresso della Caverna 2°a NW del Pic di Carnizza (6074/3475FR). A questo punto ci si cala lungo il colatoio per qualche metro e si attraversa sotto le pareti, in costa, su terreno non molto solido, fino a raggiungere la base di un evidente canalone ingombro di detriti. Lo si risale fino a giungere ad una decina di metri dall'ingresso, che può essere raggiunto con un'arrampicata su roccia decisamente marcia.
Descrizione dei vani interni della cavità L'imbocco è maestoso (7mX4m) e tutta la caverna è ampia. Una china detritica porta, in ripida discesa, al fondo, in parte ingombro di detriti. A circa metà della grotta, sulla parete NE, sale un largo camino.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 30-08-1997