Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6072 - Grotta Sergio Andreolotti

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta Sergio Andreolotti
Nome principale sloveno
Numero catasto 6072
Numero catasto storico 6072VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5062399,6
Longitudine Gauss-Boaga 2426515,9
Latitudine WGS-84 45° 42' 31,0723" (45,70863119)
Longitudine WGS-84 13° 47' 56,0671" (13,79890754)
Latitudine UTM WGS-84 5062376,7
Longitudine UTM WGS-84 406509,8
Quota ingresso 308
Data esecuzione posizione 01-01-2005
Affidabilità posizione 4° gruppo riposizionamento regionale GPS (2005)
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0.70x1.10 m
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 2.5
Autore posizione Martinuzzi Susanna
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 17
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 5.9
Dislivello totale 5.9
Quota fondo 302.1
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Si apre sulla sella che divide le doline sui cui fianchi si aprono la 1164/4083VG (ad Est) e la 3236/5075VG (ad Ovest), immediatamente a Sud di una dolinetta piatta ed al bordo meridionale di un abbassamento del terreno di forma allungata in direzione N-S. La zona si trova circa 300m a sinistra della strada Opicina-Monrupino (all'altezza della carrareccia che si trova prima delle prime case.
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso della cavità, uno scoscendimento del terreno profondo 0,5m e largo 0.5mx1m, porta ad una caverna bassa e larga, ingombra di massi, che prosegue in direzione Sud con uno stretto cunicolo concrezionato sulla cui volta si aprono un paio di esigui camini. In questo ramo sono state trovate alcune concrezioni, che scendevano ad ostruire il passaggio, già rotte, forse da mano umana.
Dal fondo del pozzo di accesso è possibile scendere ancora per qualche metro in un ambiente largo, in media 1,5m/2m ed alto 70cm/1m; la volta, asciutta, appare concrezionata solo in alcuni punti. Sotto i massi sono stati trovati numerosi cocci ed un fondo di vaso. Cocci dall'impasto grezzo, rossastro all'estremo e neri all'interno, sono reperibili anche lungo tutto il cono detritico. Oltre al materiale fittile sono state recuperate numerose ossa, alcune, le più grandi fossilizzate, altre dall'aspetto più "recente". Le ossa lunghe di questo tipo sembrano resti di pasto (tagli longitudinali). Nel punto più fondo della cavità è stato trovato un oggetto metallico (rame?) a forma di punta di freccia, lungo 7/8cm, largo alla base (triangolare) 2/3cm e con tre piccoli fori.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 14-12-1997
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso

Data dello scatto: 27-05-2016

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Gherlizza Franco

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Data dello scatto: 27-05-2016

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Gherlizza Franco

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino