Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6023 - Pozzo dei Bauli senza Maniglie

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo dei Bauli senza Maniglie
Nome principale sloveno
Numero catasto 6023
Numero catasto storico 6064VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110064 - Rupinpiccolo
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5066540,0
Longitudine Gauss-Boaga 2422886,0
Latitudine WGS-84 45° 44' 43,4016" (45,74538934)
Longitudine WGS-84 13° 45' 5,2417" (13,75145602)
Latitudine UTM WGS-84 5066517,1
Longitudine UTM WGS-84 402880,1
Quota ingresso 368
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 4.5
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 7
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 16.5
Dislivello totale 16.5
Quota fondo 351.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre in una piccolissima dolina, con folta vegetazione, che dista 100m in direzione Ovest dalla q. 380,9. Dall'abitato di Colludrozza, dove si trovano due grandi serre, si prende la strada forestale che conduce a W della quota 380,9. La si segue fino a giungere, dopo un tratto in salita, in una radura. Qui si abbandona il sentiero e ci si inoltra nel bosco, sulla destra, per circa 50m, fino a raggiungere l'imbocco del pozzo.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo è impostato sulla convergenza di due fratture con direzione 10°-190° e 60°-240°. Le pareti della cavità sono interessate da un'intensa attività di ringiovanimento.
Nella parte iniziale della cavità sono stati rinvenuti alcuni pezzi, anneriti, di ossa di cervide, probabilmente resti di pasto. Sul fondo del pozzo, invece, sono stati osservati alcuni pezzi di ceramica, databile all'epoca dei Castellieri.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 09-11-1997