Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5967 - Pozzo nel Bosco Fornace

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo nel Bosco Fornace
Nome principale sloveno
Numero catasto 5967
Numero catasto storico 6039VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 31-12-1994
Scopritore Bone - Natale
Gruppo scopritore CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110052 - Prosecco
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5063695,0
Longitudine Gauss-Boaga 2419492,0
Latitudine WGS-84 45° 43' 9,4963" (45,71930453)
Longitudine WGS-84 13° 42' 30,331" (13,70842527)
Latitudine UTM WGS-84 5063672,2
Longitudine UTM WGS-84 399486,1
Quota ingresso 245
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 4
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 7
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 15.3
Dislivello totale 15.3
Quota fondo 229.7
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Percorrendo la strada provinciale che da Prosecco porta a S. Croce si nota, sulla sinistra, dopo un centinaio di metri dal Ristorante "Hostaria ai Pini", una carrareccia che si dirige verso la pineta. Percorrendola per circa 500m si incontra, sempre alla propria sinistra, un sentierino ben marcato che si inoltra nel bosco piuttosto rado. Dopo un centinaio di metri il sentiero costeggia una dolinetta, seguita da un'altra nella quale, sul versante SE, si apre la cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità si apre con uno strettissimo pozzo d'accesso al quale segue un saltino comunicante con un angusto pozzetto terminale.
la cavità nel suo complesso è stretta e malagevole, abbellita solo da qualche rara concrezione e pericolosa per la presenza di pietre instabili sulle pareti dei pozzi.
Alla base del pozzetto terminale si apre ancora un altro pozzettino, inagibile, profondo 1,5m ed ingombro di detriti. A livello del fondo agibile, si trova una minuscola fessura nella quale le pietre lanciate battono per qualche metro.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 07-06-1997