Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5911 - Bus de Bunny

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Bus de Bunny
Nome principale sloveno
Numero catasto 5911
Numero catasto storico 3360FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Resia
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050023 - Monte Canin
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5136538,7
Longitudine Gauss-Boaga 2398786,4
Latitudine WGS-84 46° 22' 16,8509" (46,37134748)
Longitudine WGS-84 13° 25' 26,1972" (13,42394366)
Latitudine UTM WGS-84 5136515,0
Longitudine UTM WGS-84 378782,0
Quota ingresso 2013
Data esecuzione posizione 05-09-2011
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 5m x 3m
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 2.5
Autore posizione Gherlizza Franco
Gruppo appartenenza CAT - Club Alpinistico Triestino
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 74
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 5
Dislivello negativo 25
Dislivello totale 30
Quota fondo 1988
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso Si
Prosecuzioni Prosecuzioni certe (accessibili)
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Dal Bivacco Marussich, si segue il sentiero CAI che, in ripida discesa, porta in Val Resia. Dopo i primi tornanti si nota, sulla sinistra del sentiero, un marcato sprofondamento che termina con un ponte naturale. Sotto il ponte naturale ha inizio la cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità inizia con un basso corridoio che porta ad una modesta sala di forma allungata. Al suo termine, una ripida arrampicata porta a dei rami superiori che, per le ridotte dimensioni, non sono ancora stati visitati. Ritornando nella sala si può proseguire scendendo un pozzetto di 3m che intercetta una galleria. Il ramo Ovest consiste in una galleria, in parte concrezionata, lunga una decina di metri; il ramo Est ha andamento meandriforme e sulla sua volta si aprono dei camini che, molto probabilmente sono in diretta comunicazione con i vani superiori. Proseguendo lungo questo ramo, dopo una strettoia che porta in uno stretto budello, si incontra un pozzo, profondo 10m, seguito da una successione di stretti pozzetti verticali che conducono ad un fondo totalmente ostruito da un tappo di pietrame.
Sul fondo del P10 si dipartono due condotte in leggera salita che, a causa del potente deposito fangoso, sono state risalite solo per pochi metri ma che continuano per almeno altri 15m per quanto si è potuto vedere illuminandole con la luce elettrica. La cavità è ancora in esplorazione.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-08-2001
Foto
Data dello scatto: 05-09-2011

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Gherlizza Franco

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Descrizione inquadratura: particolare dell'ingresso
Data dello scatto: 05-09-2011

Tipo inquadratura: Ingresso con sigla

Autore foto: Gherlizza Franco

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Descrizione inquadratura: ingresso con la vecchia sigla
Data dello scatto: 05-09-2011

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Gherlizza Franco

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Descrizione inquadratura: panoramica dell'ingresso
Data dello scatto: 05-09-2011

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Gherlizza Franco

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino