Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5907 - Grotta Gelida

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta Gelida
Nome principale sloveno
Numero catasto 5907
Numero catasto storico 6027VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110064 - Rupinpiccolo
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5065419,0
Longitudine Gauss-Boaga 2425394,0
Latitudine WGS-84 45° 44' 8,3376" (45,73564932)
Longitudine WGS-84 13° 47' 2,0721" (13,78390892)
Latitudine UTM WGS-84 5065396,1
Longitudine UTM WGS-84 405388,0
Quota ingresso 463
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 2.5
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 29.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 29
Dislivello totale 29
Quota fondo 434
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre sul fondo di una dolina, sotto il versante occidentale del Piccolo Lanaro, la prima di una serie formante una piccola valle chiusa, posta subito oltre ad una sella e raggiungibile percorrendo il sentiero che parte da Rupingrande in direzione del Monte Lanaro. L'ingresso si trova in uno sprofondamento sul fondo della dolina.
Descrizione dei vani interni della cavità Un saltino di un paio di metri, tra massi e terra, immette in un pozzo profondo 7m, alla cui base, attraverso un basso passaggio, si entra in un pozzo parallelo profondo 10m e sovrastato da un camino che risale fino quasi alla superficie. Alla base del pozzo, una finestra posta oltre ad uno stretto diaframma di roccia, immette in uno stretto cunicolo allargato artificialmente, che porta ad un pozzetto finale, sul cui fondo, da una fessura impraticabile, esce una discreta corrente d'aria.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 04-09-1996