Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5865 - Grotta X 30

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta X 30
Nome principale sloveno
Numero catasto 5865
Numero catasto storico 3318FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Resia
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 049081 - Monte Musi
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5131607,0
Longitudine Gauss-Boaga 2389960,0
Latitudine WGS-84 46° 19' 31,2447" (46,32534576)
Longitudine WGS-84 13° 18' 38,1684" (13,31060232)
Latitudine UTM WGS-84 5131583,5
Longitudine UTM WGS-84 369955,7
Quota ingresso 1650
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 5.5
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 28
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 20.7
Dislivello totale 20.7
Quota fondo 1629.3
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso della cavità è ubicato in una zona molto accidentata del pianoro di quota 1650, a pochi metri dalla "Voragine del Rododendro" (5653-3192FR). L'imbocco, seminascosto da alcuni massi di crollo, è segnalato da un ometto di pietra dipinto di rosso.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità è impostata principalmente lungo i giunti di strato. Eccezione fatta per il primo pozzo, gli ambienti hanno dimensioni molto ridotte, tali da rendere la progressione piuttosto difficoltosa. Alla base del primo pozzo interno la cavità presenta due diverse continuazioni: la prima segue i giunti di strato e termina in una sala ingombrata da un cumulo di detriti lapidei; la seconda, attraversa una frattura impostata in direzione 50°-230° e termina, in una galleria discendente, con un passaggio impraticabile.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-12-1996