Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5841 - Grotta Ambra

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta Ambra
Nome principale sloveno
Numero catasto 5841
Numero catasto storico 6014VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 31-12-1996
Scopritore De Filippo - Claudio
Gruppo scopritore AXXXO - Associazione XXX Ottobre

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune San Dorligo della Valle / Dolina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110151 - Grozzana
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5052949,5
Longitudine Gauss-Boaga 2433942,1
Latitudine WGS-84 45° 37' 28,3855" (45,62455153)
Longitudine WGS-84 13° 53' 45,4722" (13,8959645)
Latitudine UTM WGS-84 5052926,7
Longitudine UTM WGS-84 413935,7
Quota ingresso 453
Data esecuzione posizione 27-11-2008
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0,5m x 0,4m
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 3.5
Autore posizione Sgambati Alessandro
Gruppo appartenenza ISP FOR - Ispettorato Ripartimentale Foreste
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 55
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 37
Dislivello totale 37
Quota fondo 416
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Dal paese di Grozzana si prosegue in direzione Sud per circa 300m, fino giungere a poca distanza dalla Grotta del Carbone (533-2689VG). L'imbocco, di modeste dimensioni, si trova lungo un pendio molto ripido ed è seminascosto dalla vegetazione.
Descrizione dei vani interni della cavità Si tratta di una cavità molto interessante per il suo aspetto meandriforme e la presenza di evorsioni e depositi di sabbia.
Sceso il pozzetto iniziale, di 3,5m, ci si trova in una galleria discendente, concrezionata e con un inclinazione costante. Lungo una delle pareti si aprono delle finestre che portano ad un pozzo, raggiunto più in basso dalla stessa galleria e che termina sopra una china detritica. Da qui si può continuare in direzione Sud oppure in direzione Sud Est.
In direzione Sud si avanza sul fondo di un meandro alto 4-5m che, dopo un giro di quasi 360°, ri immette nello stesso meandro.
In direzione Sud Est, si scende la china detritica e si giunge di nuovo in un meandro, più sinuoso, che obbliga a dei saliscendi.
Alla base della china detritica si può accedere ad una piccola stanzetta sul lato destro, oppure, qualche metro più avanti (punto 11 del rilievo), a circa 2m d'altezza, si arriva in 2 altre stanzette, molto concrezionate, che si ricollegano nuovamente al meandro con una galleria-scivolo discendente che porta al punto 10; oppure, allo stesso punto (punto 11 del rilievo), arrampicando per 6m, si raggiunge un vero e proprio piano superiore del meandro, che a sua volta dà accesso ad un ultimo piano formato da due enormi massi calcificati e concrezionati.
Ritornando sul fondo del meandro, si arriva all'imbocco di un pozzetto dalle pareti di fango e massi incastrati, sul fondo del quale un cunicolo fangoso, lavorato dall'acqua, porta ad un ultimo saltino che raggiunge il fondo della cavità.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 14-08-1996