Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5807 - Grotta a S delle Colonne Confinarie

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta a S delle Colonne Confinarie
Nome principale sloveno
Numero catasto 5807
Numero catasto storico 6001VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta
Scopritore Bone - Natale
Gruppo scopritore CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110054 - Santa Croce di Trieste
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5066351,0
Longitudine Gauss-Boaga 2417162,7
Latitudine WGS-84 45° 44' 34,3023" (45,74286176)
Longitudine WGS-84 13° 40' 40,5839" (13,67793996)
Latitudine UTM WGS-84 5066328,2
Longitudine UTM WGS-84 397156,9
Quota ingresso 190.5
Data esecuzione posizione 05-04-2016
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1.5 x 0.5 m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 12
Autore posizione Gerl Damjan
Gruppo appartenenza GRMADA - Športno društvo/Associazione Sportiva Grmada
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 36
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 66
Dislivello totale 66
Quota fondo 124.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Si percorre la strada provinciale n°1 ("del Carso") fino alle colonne che delimitano i confini dei Comuni di Trieste e di Duino-Aurisina. Nei pressi delle stesse, si imbocca la carrareccia che si inoltra nella pineta in direzione Ovest, verso la torre piezometrica. Dopo alcuni minuti di cammino, si raggiunge l'incrocio con la strada forestale (segnavie n°7) e la si percorre in direzione di Santa Croce. Dopo 500m di leggera salita, la strada continua con un breve tratto pianeggiante, all'inizio del quale la si abbandona girando a sinistra. Dopo una trentina di metri si scavalca un basso muretto a secco oltre al quale si nota uno sprofondamento, poco profondo ma marcato, nel quale si apre la cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità Il primo pozzo, una fessura stretta in alcuni punti anche 30cm, è totalmente privo di concrezioni e leggermente inclinato. Quello seguente, leggermente spostato a NE rispetto al primo, mantiene le stesse caratteristiche ed è seguito da un terzo salto più largo, parzialmente concrezionato e piuttosto franoso in prossimità del fondo. Alla base del secondo pozzo è stato aperto un passaggio che immette in un altro pozzo, ampio e movimentato da lame e testate di strato rese viscide dall'acqua, interrotto a metà da un ripiano di massi cementati da calcite. Un'enorme lama sovrasta il pozzo.
Alla sua base, un pozzo concrezionato termina su di un ripiano formato da massi incastrati; si scende ancora per 4m, sempre tra i massi, sino a giungere ad una biforcazione. Poco prima di questa, una bassa finestra permette di accedere ad un vano sormontato da un camino che sbocca nella saletta alla base del pozzo sovrastante. Da questo punto la cavità prosegue sempre verticalmente, con alcuni pozzi impostati su fratture quasi diametralmente opposte. La diramazione Ovest è rappresentata da una serie di pozzetti alquanto angusti ricoperti da un crostone calcitico che si frantuma al minimo tocco. Il pozzetto terminale, invece ha pareti nude ed incise. Il fondo, roccioso, non offre alcuna possibilità di prosecuzione. La diramazione Est, è costituita da un pozzo di 20m, abbastanza ampio, anche questo privo di concrezioni; a 6m dal fondo si rasenta un ponte naturale instabile e la base del pozzo è intasata da sfasciumi lapidei che chiudono ogni prosecuzione eccetto un angustissimo cunicolo discendente, assolutamente intransitabile.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 13-04-1996
Foto
Data dello scatto: 05-04-2016

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Gerl Damjan

Gruppo di appartenenza: GRMADA - Športno društvo/Associazione Sportiva Grmada

Data dello scatto: 05-04-2016

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Gerl Damjan

Gruppo di appartenenza: GRMADA - Športno društvo/Associazione Sportiva Grmada

Data dello scatto: 05-04-2016

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Gerl Damjan

Gruppo di appartenenza: GRMADA - Športno društvo/Associazione Sportiva Grmada

Data dello scatto: 05-04-2016

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Gerl Damjan

Gruppo di appartenenza: GRMADA - Športno društvo/Associazione Sportiva Grmada