Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 578 - Grotta a NW di Padriciano

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta a NW di Padriciano
Nome principale sloveno
Numero catasto 578
Numero catasto storico 2795VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110113 - Padriciano
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5057185,0
Longitudine Gauss-Boaga 2429193,0
Latitudine WGS-84 45° 39' 43,4228" (45,6620619)
Longitudine WGS-84 13° 50' 3,3617" (13,83426715)
Latitudine UTM WGS-84 5057162,2
Longitudine UTM WGS-84 409186,8
Quota ingresso 346
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 2
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 14
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 13.5
Dislivello totale 13.5
Quota fondo 332.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si trova sul fianco di un'ampia dolina dal fondo prativo, situata nell'angolo formato dalla strada provinciale e la strada privata dell'ENEL.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità inizia con un largo e basso vano che scende in direzione SE e non è praticamente concrezionato; la sua visita è resa pericolosa dall'instabilità di alcune parti del soffitto e delle pareti, soprattutto nel punto che nel rilievo è segnato con il numero 3. Alla fine della china detritica uno scivolo argilloso porta al pozzo interno, impostato su di una frattura, stretto, accidentato e con qualche masso incastrato fra le pareti; al fondo, lo stesso si biforca e chiude fra massi precipitati dall'alto. Il lato della dolina prospiciente la dolina è chiuso da un vecchio muro, eretto a regola d'arte, alto un paio di metri e lungo circa 5m. Un passaggio pressoché quadrangolare, lasciato aperto intenzionalmente, fa supporre che la cavità un tempo fosse adibita a rifugio. Un camino, sulla volta della caverna, sbocca all'esterno con una stretta finestra che si apre non lontano dall'ingresso.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 26-03-1988