Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5654 - Grotta Fantasma

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta Fantasma
Nome principale sloveno
Numero catasto 5654
Numero catasto storico 3193FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Resia
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 049081 - Monte Musi
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5131721,0
Longitudine Gauss-Boaga 2389887,0
Latitudine WGS-84 46° 19' 34,8862" (46,32635727)
Longitudine WGS-84 13° 18' 34,6423" (13,30962285)
Latitudine UTM WGS-84 5131697,5
Longitudine UTM WGS-84 369882,7
Quota ingresso 1650
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 9
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 21
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 14
Dislivello totale 14
Quota fondo 1636
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si trova sul pianoro di quota 1650 sotto una delle cime del Monte Musi, quotata 1781m. La zona in cui si apre l'ingresso della cavità, è particolarmente scoscesa e dirupata ed è per questo che la grotta è difficilmente individuabile.
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta, che ha due ingressi ed è riempita da notevoli quantità di neve e ghiaccio, è impostata su una frattura direzionata 330°-150°. Le pareti sono interessate da fenomeni criocalastici che provocano distacchi spontanei di pietre. Ogni possibile prosecuzione verticale è occlusa da detriti, neve e ghiaccio.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 18-08-1995