Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 565 - Grotta delle Ninfe

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta delle Ninfe
Nome principale sloveno
Numero catasto 565
Numero catasto storico 2687VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune San Dorligo della Valle / Dolina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110152 - Draga Sant’Elia
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5052261,0
Longitudine Gauss-Boaga 2432503,0
Latitudine WGS-84 45° 37' 5,4329" (45,6181758)
Longitudine WGS-84 13° 52' 39,4728" (13,87763134)
Latitudine UTM WGS-84 5052238,2
Longitudine UTM WGS-84 412496,7
Quota ingresso 124
Data esecuzione posizione 27-05-2004
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 3,m x 2m
Tipo ingresso Cavernetta
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Mikolic Umberto
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 65
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 10
Dislivello negativo 2.5
Dislivello totale 12.5
Quota fondo 121.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta, chiamata dai primi escursionisti Antro di Aligi, si apre poco più in alto del corso del Torrente Rosandra, nel punto dove viene ad esaurirsi un canalone che solca il fianco destro della valle, a metà del quale si eleva la guglia rocciosa chiamata "Montasio".
Descrizione dei vani interni della cavità La parte iniziale della cavità è costituita da un antro non più vasto dell'imboccatura e quindi interamente illuminato dalla luce esterna, nel quale il suolo è formato da sedimenti argillosi alquanto asciutti; si notano resti di fuochi e rifiuti, essendo la grotta molto frequentata da gitanti. Procedendo verso l'interno, la volta si abbassa progressivamente fino a lasciare un passaggio assai angusto, dal quale normalmente scaturisce un piccolo corso d'acqua che attraversa la cavità e va a scaricarsi nel vicino torrente; la sua portata supera di poco il litro al secondo e non è soggetta a notevoli aumenti anche in periodi piovosi. I pochi centimetri di pelo libero non consentono di solito di spingersi più avanti, ma in occasione di persistenti siccità, l'acqua cessa di defluire e si può accedere ad un breve vano. Durante l'anno 1971, dal mese di luglio a quello di novembre non piovve ed il Rosandra stesso seccò completamente; in queste eccezionali condizioni il livello dell'acqua nella cavità scese ulteriormente, permettendo di penetrare in un cunicolo dal fondo allagato, che venne percorso fino al punto in cui un tratto sifonante mise fine all'esplorazione.
Le caratteristiche morfologiche di questa parte della grotta sono quelle tipiche delle cavità attive, con marcate forme corrosive e depositi sabbiosi, e va inoltre rilevato che essa si sviluppa più in basso dell'alveo del Rosandra. Quanto osservato ha permesso di stabilire che l'andamento dei vani, normalmente inaccessibili, è ben diverso da quello descritto da alcuni sommozzatori che vi erano penetrati in immersione, e che, tralatro, tali vani sono difficilmente percorribili anche senza le ingombranti attrezzature subacquee.
Sarebbe interessante accertare se l'acqua che scorre sul fondo della Fessura del Vento (930/4139VG) è la stessa che esce da questa grotta, che è l'unica risorgiva attiva della Val Rosandra, in quanto la Fonte Oppia non è accessibile all'uomo, mentre l'Antro di Bagnoli (76/105VG) è situato oltre lo sbocco della valle stessa. Finora non sono state fatte osservazioni sul regime della sorgente, nè un'analisi chimica dell'acqua, che tuttavia è certamente potabile.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 13-04-1986
Foto
Data dello scatto: 06-07-2014

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Magrin Enrico

Gruppo di appartenenza: SSC LINDNER - Società di Studi Carsici Antonio Federico Lindner

Data dello scatto: 06-07-2014

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Magrin Enrico

Gruppo di appartenenza: SSC LINDNER - Società di Studi Carsici Antonio Federico Lindner