Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5639 - Pozzo Pettirosso

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo Pettirosso
Nome principale sloveno
Numero catasto 5639
Numero catasto storico 5940VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta
Scopritore Zanini - Giuliano
Gruppo scopritore CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune San Dorligo della Valle / Dolina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110152 - Draga Sant’Elia
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5052767,8
Longitudine Gauss-Boaga 2433448,3
Latitudine WGS-84 45° 37' 22,2784" (45,62285511)
Longitudine WGS-84 13° 53' 22,7919" (13,88966443)
Latitudine UTM WGS-84 5052745,0
Longitudine UTM WGS-84 413442,0
Quota ingresso 343
Data esecuzione posizione 31-03-2009
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Ostruito
Dimensione stimata ingresso 1m x 1m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 11
Autore posizione Bernardis Remigio
Gruppo appartenenza CAT - Club Alpinistico Triestino
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 10
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 14
Dislivello totale 14
Quota fondo 329
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso si trova su un minuscolo dosso nella piana a Nord di Draga S. Elia. tra le ultime case e la sede dell'ex ferrovia, una ventina di metri ad Est della carrareccia che porta al casello ferroviario. Il piccolo dosso è notevolmente infrattato, per cui l'ingresso può essere di non immediata individuazione.
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso, piuttosto stretto, conduce ad un pozzo, impostato su una frattura con direzione NNE-SSW, leggermente inclinato, che dopo un paio di metri si allarga, permettendo una comoda discesa.
Le pareti sono nude e lisce; scendendo ancora si notano delle lame che caratterizzano l'ambiente. Sul fondo, di sabbia e ciottoli, un foro comunica con un vano sottostante, raggiungibile attraverso un passaggio, in corrispondenza di un ripiano, due metri più in alto. L'ambiente è angusto e conduce ad un pozzetto di 5m che arriva al fondo della grotta che è anche il punto di assorbimento di una cascatella soprastante. Due brevi cunicoli sabbiosi mettono fine alla cavità.

.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 17-09-1995