Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5632 - Grotta 1° a Ene Da Stremiz

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta 1° a Ene Da Stremiz
Nome principale sloveno
Numero catasto 5632
Numero catasto storico 3175FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Faedis
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067012 - Pedrosa
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5114610,0
Longitudine Gauss-Boaga 2395220,0
Latitudine WGS-84 46° 10' 24,332" (46,17342556)
Longitudine WGS-84 13° 23' 0,2445" (13,38340124)
Latitudine UTM WGS-84 5114586,7
Longitudine UTM WGS-84 375215,3
Quota ingresso 355
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 18
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 11
Dislivello totale 11
Quota fondo 344
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Arrivati al paesino di Stremiz, si segue il sentiero CAI fino a raggiungere un ponte in cemento. Attraversatolo, si procede lungo il torrente, verso monte, fino ad incontrare un alveo asciutto che si risale fino ad una parete di roccia. A qualche metro, sulla sinistra, si apre l'imbocco della grotta.
Descrizione dei vani interni della cavità Si entra nella grotta scendendo un salto di 1m, dopo il quale si passa una strettoia tra massi di crollo. La cavità poi si allarga e si arriva sul primo di tre salti consecutivi, sempre in frana, che portano al fondo. Da qui, sulla destra scendendo, si procede per qualche metro lungo un cunicolo che termina con una pozza d'acqua. La grotta non è concrezionata; la volta è costituita dal letto di una bancata calcarea e ne segue la direzione. Il pavimento è coperto interamente da materiale di frana. Nell'ultima parte è presente una discreta quantità di fango.
Non si segnalano possibilità di prosecuzione.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 06-11-1994