Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 556 - Pozzo 1° presso Rupingrande

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo 1° presso Rupingrande
Nome principale sloveno
Numero catasto 556
Numero catasto storico 2703VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110061 - Colle dell’Anitra
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5064338,0
Longitudine Gauss-Boaga 2426028,0
Latitudine WGS-84 45° 43' 33,6294" (45,72600816)
Longitudine WGS-84 13° 47' 32,1559" (13,79226552)
Latitudine UTM WGS-84 5064315,1
Longitudine UTM WGS-84 406022,0
Quota ingresso 374
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 31
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 70
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 82
Dislivello totale 82
Quota fondo 292
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso del pozzo, in parte chiuso da alcuni massi, si apre sul pendio di un dosso boscoso situato a Nord di Rupingrande.
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta si sviluppa lungo un'evidente frattura orientata N-S, lungo la quale si scende, dopo il profondo pozzo iniziale, per brevi salti e gradini formati da massi incastrati. Nella parte iniziale le pareti sono coperte da uno strato calcitico, mentre più sotto la roccia calcareo-arenacea appare nuda e sfaldabile. L'ultimo pozzo porta in un vano segnato da un'intensa corrosione, all'estremità del quale c'è un bacino d'acqua dal fondo sabbioso, alimentato da un rivoletto che scaturisce da una fessura d'interstrato. Analoghi esempi di piccole sorgenti temporanee non sono rari in questa zona, per la presenza di alcuni banchi di roccia pressocchè impermeabile.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 24-03-1957