Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5501 - Grotta Battei

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta Battei
Nome principale sloveno
Numero catasto 5501
Numero catasto storico 3065FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Clauzetto
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048151 - Clauzetto
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5123729,0
Longitudine Gauss-Boaga 2356230,0
Latitudine WGS-84 46° 14' 49,8791" (46,24718863)
Longitudine WGS-84 12° 52' 31,5864" (12,87544068)
Latitudine UTM WGS-84 5123706,2
Longitudine UTM WGS-84 336226,2
Quota ingresso 604
Data esecuzione posizione 02-12-2006
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1m x 0,5m
Tipo ingresso Cunicolo
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Casagrande Alberto
Gruppo appartenenza PRIVATO - Nessun gruppo di appartenenza
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 140
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 25
Dislivello totale 25
Quota fondo 579
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata Si
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre sul fianco di una grande dolina, a pochi metri dalla strada che da Gerchia porta a Campone, poco dopo la borgata di Battei. L'ingresso non è di facile individuazione,in quanto molto piccolo (50x70) e prudenzialmente chiuso con una grata.
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta è essenzialmente un inghiottitoio, ma attualmente è poco attiva; l'ingresso non cattura più acque esterne che entrano invece, in modesta quantità, da alcuni camini interni che alimentano un torrentello che percorre il fondo di un bel meandro di una trentina di metri (pp.33-39). Al punto 39, in un pozzetto impraticabile, si scaricano le acque interne della prima parte della cavità.
Morfologicamente la grotta si presenta come un'unica lunga fessura verticale, a volte alta oltre 10m, a volte divisa in due rami sovrapposti per la caduta di numerosi massi. Al punto 42, lo stretto meandro prima citato, diventa impraticabile e per proseguire bisogna percorrere il piano superiore della cavità, risalendo uno stretto camino di 8m. Al punto 51 si ridiscende al piano inferiore e si ritrova il meandro che qui si sviluppa in notevole altezza, stringendosi sempre più e rendendo ostico il proseguimento.
E'degno di nota il fatto che, in base allo sviluppo planimetrico, la parte terminale della cavità si trova a breve distanza dalla 515-243FR (Fossa del Noglar) e non ci sembra azzardato supporre che questa grotta Battei ne costituisca un affluente.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 28-08-1994
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso

Data dello scatto: 28-05-2011

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Concina Giorgio

Gruppo di appartenenza: GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis

Data dello scatto: 28-05-2011

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Concina Giorgio

Gruppo di appartenenza: GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis