Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5489 - Pozzo 3° presso Juris

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo 3° presso Juris
Nome principale sloveno
Numero catasto 5489
Numero catasto storico 3053FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Vito d'Asio
Tipo carta
Carta CTRN 1:5.000 048123 - La Val
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5125960,0
Longitudine Gauss-Boaga 2359907,0
Latitudine WGS-84 46° 16' 5,2666" (46,26812962)
Longitudine WGS-84 12° 55' 20,4603" (12,92235009)
Latitudine UTM WGS-84 5125937,1
Longitudine UTM WGS-84 339903,1
Quota ingresso 565
Data esecuzione posizione 21-04-2007
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 2
Autore posizione Casagrande Alberto
Gruppo appartenenza PRIVATO - Nessun gruppo di appartenenza
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 74.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 35.2
Dislivello totale 35.2
Quota fondo 529.8
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso Si
Prosecuzioni Prosecuzioni certe (accessibili)
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre a circa 100m in direzione Nord dall'abitato di Juris, sulla destra della strada che porta a Pielungo.
Descrizione dei vani interni della cavità Dopo un breve salto iniziale, di 1,8m, che assorbe l'acqua di un rigagnolo temporaneo, si percorre un tratto in forte pendenza, con fondo di terriccio molto scivoloso che porta, dopo una strettoia, ad un pozzo doppio, di 11m, diviso da una sottile lama di roccia, al quale segue, dopo un terrapieno, un secondo salto, di 4,8m.Al livello del secondo salto è evidente una notevole infiltrazione d'acqua sulle pareti. Sul fondo parte uno stretto meandro, impostato su un giunto di strato, al termine del quale si trova un incrocio di fratture: alla sinistra scompare l'acqua, davanti si trova l'imbocco di un pozzo di 3,9m (p.to 4). Nella sala alla base di questo pozzo, a monte in basso ricompare l'acqua ed in alto si nota uno stretto arrivo; a valle, superata una strettoia, la cavità prosegue lungo una galleria, stretta nella prima parte e più larga in seguito. Dopo 35m si biforca e diventa ben presto inaccessibile: l'acqua scende sulla sinistra (p.to 7) e sulla destra si trova un ramo fossile con fango (p.to 8).
NOTE:
E' presente una discreta corrente d'aria: la grotta si comporta da ingresso basso.
Il giorno 12-3-2000, con una temperatura esterna di 10°C, all'interno della cavità si misuravano temperature di circa 6-6,5°C.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 12-03-2000
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso