Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5449 - Grotta sotto la Feritoia

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta sotto la Feritoia
Nome principale sloveno
Numero catasto 5449
Numero catasto storico 3013FR
Numero totale ingressi 2

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050034 - Monte Cergnala
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5137593,0
Longitudine Gauss-Boaga 2404640,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 54,6785" (46,38185515)
Longitudine WGS-84 13° 29' 59,1488" (13,49976355)
Latitudine UTM WGS-84 5137569,2
Longitudine UTM WGS-84 384635,5
Quota ingresso 1900
Data esecuzione posizione 09-08-1994
Affidabilità posizione Da verificare
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 7
Autore posizione Capisani Paolo
Gruppo appartenenza CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 40
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 32
Dislivello totale 32
Quota fondo 1868
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre alla testa della vallecola che dalla parte alta del pianoro del Col Lopic scende ad E di questo.
Dalla mulattiera Poviz-Sella Robon, si prende il sentiero che porta in discesa al Col Lopic (freccia UD) fino ad arrivare ad un riparo di guerra scavato nella roccia: i due ingressi si trovano proprio sotto la feritoia di questa postazione che guarda Sella Robon.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità presenta due pozzi d'ingresso: il superiore di 14m, l'inferiore, più largo, di 7m; alla base di quest'ultimo si trova un deposito nivale piuttosto consistente.A questo punto si presentano due prosecuzioni: un meandro si dirige verso Ne congiungendosi dopo pochi metri con la base del primo pozzo d'ingresso. Poco più avanti si incontra un pozzetto di 5m alla cui base termina il deposito nivale che costituisce il pavimento del meandro (al momento dell'esplorazione alla base del pozzo vi era una colonnina di ghiaccio). Il meandro continua più stretto e basso portando sopra ad un pozzetto cieco di 3m oltre il quale, in alto, si prosegue incontrando una difficile strettoia che immette in in un pozzo di 11m alla cui base si trova una una sala stretta ed allungata da cui si può vedere un camino innalzarsi per circa 15m. Sul pavimento della sala vi sono massi incastrati ed un deposito di neve e di ghiaccio. In ogni punto del meandro spira costantemente una corrente di aria gelida.
Alla base dell'accesso basso, di fronte all'imbocco del meandro, sprofonda un pozzo di 14m aperto fra la roccia e la neve. A circa 10m vi è un cambiamento di pendenza: il pozzo sfocia in una saletta il cui pavimento in discesa è costituito da neve. La parte più bassa della saletta si trova alla massima profondità raggiunta (32m) e sulla volta si apre un camino dall'ingresso angusto.
Rilievo Sezione - Effettuato in data: 09-08-1994