Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 544 - Grotta del Montasio

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta del Montasio
Nome principale sloveno
Numero catasto 544
Numero catasto storico 3028VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune San Dorligo della Valle / Dolina
Tipo carta 1:25.000
Carta CTRN 1:5.000 110152 - Draga Sant’Elia
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5052379,0
Longitudine Gauss-Boaga 2432587,0
Latitudine WGS-84 45° 37' 9,2937" (45,61924826)
Longitudine WGS-84 13° 52' 43,2746" (13,8786874)
Latitudine UTM WGS-84 5052356,2
Longitudine UTM WGS-84 412580,7
Quota ingresso 235
Data esecuzione posizione 02-01-2008
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 15, x 3m
Tipo ingresso Fessura
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Michelini Aldo
Gruppo appartenenza ISP FOR - Ispettorato Ripartimentale Foreste
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 15
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 2.5
Dislivello negativo
Dislivello totale 2.5
Quota fondo 235
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta prende il nome dalla sottostante guglia ed è anche conosciuta con il nome di Grotta dei Matti, in quanto dal suo imbocco si possono scorgere i rocciatori che si esercitano sulle caratteristiche pareti della Val Rosandra, e con il nome di Grotta dell'Orecchio, per la curiosa forma dell'alto portale che ricorda infatti un enorme padiglione auricolare. Dall'ingresso il suolo risale in una stretta china terrosa dalla quale si raggiunge un breve slargo nel quale si aprono una piccola nicchia ed un cunicolo impraticabile.
Come tutte le caverne della Val Rosandra, anche questa era abitata nella preistoria; non si hanno dati precisi sui risultati degli scavi eseguiti dal Battaglia, ma comunque non sembra che la grotta abbia dato reperti dissimili da quelli rinvenuti nelle altre cavità della valle.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 10-10-1967