Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5431 - Pozzo Iazera

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo Iazera
Nome principale sloveno
Numero catasto 5431
Numero catasto storico 2995FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050024 - Stretti
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5137656,0
Longitudine Gauss-Boaga 2398722,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 52,9948" (46,38138745)
Longitudine WGS-84 13° 25' 22,1444" (13,42281789)
Latitudine UTM WGS-84 5137632,3
Longitudine UTM WGS-84 378717,7
Quota ingresso 1910
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 5
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 57
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 75
Dislivello totale 75
Quota fondo 1835
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso si presenta come un' ampia ed evidente spaccatura che incide il versante SE della quota 1920, sita ad E del Col Sclaf. Al suo imbocco è apposta la sigla "O89", alquanto sbiadita.
Descrizione dei vani interni della cavità Sceso un piccolo saltino, si arriva ad un comodo terrazzo costituito da enormi massi incastrati tra i quali si prosegue poi scendere in libera fino ad un ampio scivolo nevoso che si segue per alcuni metri fino ad intersecare un'altra grossa frattura. La si scende, prestando attenzione ai lastroni di ghiaccio sospesi, fino sul fondo dove parte subito un ripidissimo scivolo che immette sull'ultima verticale di 9m, le cui pareti sono ricoperte da incredibili concrezioni ghiacciate.
L'enorme massa di neve e ghiaccio presente nel pozzo preclude per il momento l'accesso ad ulteriore vani, che si intravvedono al di là di fessure attualmente impraticabili.
La cavità era contrassegnata dalla sigla "O98", ma la cavità non risultava catastata ed era priva di qualunque armo artificiale.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 15-08-1994