Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5389 - Pozzo dei Campi Da Sci

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo dei Campi Da Sci
Nome principale sloveno
Numero catasto 5389
Numero catasto storico 5886VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110054 - Santa Croce di Trieste
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5066890,0
Longitudine Gauss-Boaga 2418040,0
Latitudine WGS-84 45° 44' 52,2303" (45,74784176)
Longitudine WGS-84 13° 41' 20,7629" (13,68910081)
Latitudine UTM WGS-84 5066867,2
Longitudine UTM WGS-84 398034,2
Quota ingresso 154
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 4
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 10
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 43.4
Dislivello totale 43.4
Quota fondo 110.6
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Il pozzo è situato sul bordo rivolto a N di una piccola e profonda dolina
Descrizione dei vani interni della cavità L'imbocco del pozzo iniziale si apre in calcari molto fratturati che rendono pericoloso l'ingresso. La cavità è impostata su una frattura avente direzione N-S (ancora ben visibile sul fondo pur diventando impraticabile), ed ha sviluppo prevalentemente verticale. Le pareti da un lato sono ricoperte da crostello calcitico, mentre dal lato opposto risultano corrose. La morfologia prevalente è a solchi e a lame, dovuta al forte stillicidio di acque aggressive. Sui terrazzi vi sono accumuli di materiale lapideo ed argille prodotti da fenomeni graviclastici di ringiovanimento. A vari livelli si notano tratti suborizzontali di raccordo.
Sul fondo sono presenti concrezionamenti dall'aspetto brillante, formati a tratti da calcite molto pura, bianca e dall'aspetto cristallino.
Nei pozzi terminali si sono visti alcuni esemplari di "Titanethes albus" mentre nella parte iniziale si sono notati diversi ortotteri del tipo "Troglophilus Neglectus".
Rilievo Completo - Effettuato in data: 08-04-1994