Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5356 - Pozzo 2° a W della Grotta della Fornace

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo 2° a W della Grotta della Fornace
Nome principale sloveno
Numero catasto 5356
Numero catasto storico 5853VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110013 - San Pelagio
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5067387,0
Longitudine Gauss-Boaga 2418465,0
Latitudine WGS-84 45° 45' 8,5549" (45,75237637)
Longitudine WGS-84 13° 41' 40,0525" (13,69445902)
Latitudine UTM WGS-84 5067364,2
Longitudine UTM WGS-84 398459,2
Quota ingresso 188
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 14.5
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 3.7
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 14.5
Dislivello totale 14.5
Quota fondo 173.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Si imbocca la stradicciola asfaltata che si diparte dalla provinciale Aurisina - S. Pelagio dopo aver attraversato il passaggio a livello. Terminato l'asfalto si prosegue fino ad arrivare nelle vicinanze del traliccio A.T.n°129. Si abbandona la carrareccia lasciando il traliccio alla propria sinistra. Si prosegue in piano verso Est per una cinquantina di passi, al termine della radura, nelle immediate vicinanze di un vistoso cespuglio di carpino nero, si trova l'ingresso parzialmente ostruito della cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità è formata da un unico pozzo che sprofonda obliquamente per 14.5 metri e che sbocca in una modesta cavernetta con qualche incrostazione calcitica sulla volta e sulle pareti. I detriti di fondo chiudono ulteriori proseguimenti.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 09-05-1992