Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5325 - Abisso Sisma

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso Sisma
Nome principale sloveno
Numero catasto 5325
Numero catasto storico 2962FR
Numero totale ingressi 2

Scopritori
Data scoperta 31-12-1993
Scopritore Glavina - Maurizio
Gruppo scopritore CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050022 - Sella Prevala
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5136672,0
Longitudine Gauss-Boaga 2401701,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 23,0241" (46,37306225)
Longitudine WGS-84 13° 27' 42,4471" (13,46179086)
Latitudine UTM WGS-84 5136648,3
Longitudine UTM WGS-84 381696,6
Quota ingresso 1845
Data esecuzione posizione 29-09-1996
Affidabilità posizione Da verificare
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Capisani Paolo
Gruppo appartenenza CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 87
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 530
Dislivello totale 530
Quota fondo 1315
Vincolo paesaggistico Non definito
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Appartenente al complesso Complesso della Conca del Gilberti
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'abisso si apre a circa 150m a Nord del Rifugio Gilberti, alla base di una paretina rocciosa solcata da un'evidente frattura che si dirige verso valle.
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso, di modeste dimensioni, si presenta a forma di cunicolo che, dopo un breve scivolo, immette in una strettoia e quindi in una saletta. Da qui, con un passaggio basso, ci si affaccia su di un salto di 6 metri che, dopo un passaggio in frana, porta su un pozzo di 50 metri. Quest'ultimo, inizialmente contenuto nelle dimensioni, si allarga dopo i primi metri raggiungendo, verso il fondo, all'incirca i 10 metri di diametro. Durante l'esplorazione la base di questa verticale, costituita da una sala abbastanza grande, era ingombrata da un notevole cumulo di neve. Sul fondo della china detritica, una disostruzione ha permesso di continuare l'esplorazione, con un passaggio tra massi mobili e quindi con un pozzo di 10 metri seguito immediatamente da uno di 16 metri. Un meandro impostato N-S, largo mediamente 80cm porta, dopo circa 20 metri, ad una profondità di 110 metri, dove, con un piccolo ma comodo ripiano, si apre il pozzo di 280 metri, "THE YOUNG BLAGHERS BAND".
Per i primi 50 metri il pozzo ha dimensioni di 5m x 10m circa e le pareti scendono con un profilo irregolare. Dopo un terrazzo, unico in tutta la verticale, le pareti sprofondano regolari e levigate in assoluta vericalità; nell'ultimo tratto la larghezza del pozzo supera i 20 metri ed il fondo è ingombro di massi. Da qui si prosegue immediatamente con un pozzo di 6 metri seguito, dopo un ripiano, da un pozzo di 60 metri. A circa a metà di quest'ultimo si apre una finestra che probabilmente va a collegarsi ad un camino soprastante l'ultimo pozzo. Due salti consecutivi, di 25 e 20 metri, conducono al fondo, costituito da una grossa frana che esclude altre possibili prosecuzioni e ferma la cavità ad una profondità di 515 metri.

NOTA: l'esplorazione è stata fatta in inverno; in tale periodo l'ingresso, chiuso dalla neve, è stato aperto scavando un cunicolo di alcuni metri.

Nel settembre del 1996 il CSIF scopre l'ingresso alto della cavità che si raggiunge salendo lungo il campo solcato situato subito sopra l'ingresso basso.
La frattura nella quale si apre l'ingresso alto è orientata in direzione N-S. Sceso il pozzo d'accesso, di 16m, si raggiunge uno scivolo di detriti che porta su un altro pozzo, alla cui base si trova un accumulo di neve oltre al quale parte un meandro. Dopo averne percorsi pochi metri si arriva alla partenza di un pozzo che è collegato all'Abisso Sisma e precisamente è il camino che si innalza subito prima dell'attacco del P.50 del Sisma.

NOTA Collegato all'Abisso paolo Fonda da speleologi ungheresi appartenenti a vari gruppi.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 29-09-1996