Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5312 - Risorgiva Liscovaz

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Risorgiva Liscovaz
Nome principale sloveno
Numero catasto 5312
Numero catasto storico 2949FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Taipana
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050093 - Montemaggiore
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5123095,2
Longitudine Gauss-Boaga 2392913,4
Latitudine WGS-84 46° 14' 57,6" (46,24933333)
Longitudine WGS-84 13° 21' 4,5" (13,35125)
Latitudine UTM WGS-84 5123071,8
Longitudine UTM WGS-84 372908,9
Quota ingresso 560
Data esecuzione posizione 26-06-2011
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0,5M X 0,6M
Tipo ingresso Cunicolo
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Tavagnutti Maurizio
Gruppo appartenenza CRC SEPP. - Centro Ricerche Carsiche Carlo Seppenhofer
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 368
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 13.7
Dislivello negativo 7.6
Dislivello totale 21.3
Quota fondo 552.4
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Partendo dai prefabbricati eretti dopo il terremoto a Taipana si deve proseguire sino alla fine della strada asfaltata, in direzione W, lungo l'alveo del Torrente Liscovaz. Risalendo il corso d'acqua per 300m circa, si incontrano in successione due biforcazioni: alla prima ci si incammini a sinistra, alla seconda si prenda la destra: a 50m si trova l'ingresso della cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità La Risorgiva di Liscovaz si sviluppa su tre diversi livelli, in una zona caratterizzata da un intreccio di calcari e arenarie. L'acqua della risorgiva, che sgorga una decina di metri sotto l'ingresso, viene in parte convogliata in un acquedotto e serve a soddisfare il fabbisogno del paese di Taipana.
Nel suo tratto iniziale la cavità è formata da una galleria (il secondo livello) di dimensioni ridotte, per cui in alcuni punti bisogna procedere a carponi. Dopo i primi 16m si alternano alcuni saliscendi che, in caso di piena, diventano sifonanti.
Quando la galleria interseca i giunti di stratificazione subisce un brusco cambio di direzione. Gli strati hanno orientamento NE-SW. Poi la condotta tende a salire e sul fondo si notano grossi accumuli di ciottoli levigati neri che in qualche caso sono conglomerati con la roccia e il fango.
Percorsi una ventina di metri di angusti passaggi, si giunge nella parte attiva della grotta; si abbandona il secondo livello e si scende (punto 9), al terzo livello, dove una discreta portata d'acqua scorre rumorosamente fra laghetti e cascate, scomparendo alla profondità di circa 8m. Per proseguire si deve risalire il corso del fiume per una ventina di metri e, quando la galleria diventa impraticabile, ci si arrampica in un'impegantiva strettoia (punto 15). Si giunge così nel tratto di grotta in cui il fiume, per effetto delle piene, ha scavato stretti meandri dalla morfologia complessa a causa del cambio di direzione subito lungo i giunti di stratificazione NE-SW. Quindi si arriva al termine del terzo livello, dove il fiume scompare definitivamente, e da qui l'unica via di prosecuzione è una risalita di 8m che conduce al primo livello della cavità ed è superabile in opposizione. Tale livello è costituito da gallerie freatiche fossili.
Immediatamente dopo la risalita ci si ritrova in una vasta sala concrezionata e qui la cavità si divide in due rami. Il più corto si sviluppa in direzione NE e vi si accede risalendo una galleria franosa (punto 20), nella quale pendono dal soffitto numerose radici. Alla fine della galleria è stata notata la presenza di alcune cavallette, entrate probabilmente dalla frana terminale (punto 22) che preclude comunque ogni possibile prosecuzione verso l'esterno. Dopo esser ritornati indietro (punto 19) si può raggiungere la galleria più lunga tramite una facile arrampicata in direzione W. Tale ramo è largo, anche se si alternano alcuni passaggi bassi che costringono la progressione a carponi. Lungo la galleria vi sono dei rami laterali che però si ricongiungono a quello principale e sono di scarsa importanza. La galleria termina (punti 35-36) con alcune fessure impraticabili dalle quali fuoriesce una discreta quantità d'aria. In caso di piena da queste fessure si sente scorrere in lontananza il fiume, fenomeno che non si verifica però in condizioni normali.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 10-01-1993
Foto
Data dello scatto: 26-06-2011

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Tavagnutti Maurizio

Gruppo di appartenenza: CRC SEPP. - Centro Ricerche Carsiche Carlo Seppenhofer

Data dello scatto: 26-06-2011

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Tavagnutti Maurizio

Gruppo di appartenenza: CRC SEPP. - Centro Ricerche Carsiche Carlo Seppenhofer

Data dello scatto: 26-06-2011

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Tavagnutti Maurizio

Gruppo di appartenenza: CRC SEPP. - Centro Ricerche Carsiche Carlo Seppenhofer