Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5310 - Pozzo del Druido

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo del Druido
Nome principale sloveno
Numero catasto 5310
Numero catasto storico 2947FR
Numero totale ingressi 2

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Resia
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 049081 - Monte Musi
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5132382,0
Longitudine Gauss-Boaga 2390038,0
Latitudine WGS-84 46° 19' 56,3967" (46,33233242)
Longitudine WGS-84 13° 18' 41,0426" (13,31140073)
Latitudine UTM WGS-84 5132358,5
Longitudine UTM WGS-84 370033,7
Quota ingresso 1381
Data esecuzione posizione 10-08-2005
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 2,5 x 0,6
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 20
Autore posizione Malandrino Paolo
Gruppo appartenenza GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 35.4
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 21.6
Dislivello totale 21.6
Quota fondo 1359.4
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità è ubicata sul versante Nord della vallata di Sella Carnizza, a quota 1395m s.l.m. e si apre a circa 100m dall'Abisso Pahor e a75m dall'Abisso Pap 1.
Per raggiungere il Pozzo del Druido si deve percorrere il sentiero che porta alla Caverna della Madonna, segnato in rosso, fino a raggiungere l'Abisso Pahor (le indicazioni sono ben evidenti sul sentiero). Da qui ci si deve addentrare nella boscaglia in direzione NW fino ad arrivare a quota 1466 m s.l.m., bisogna poi scendere lungo dei rillenkarren, a quota 1395m s.l.m. seguendo un'evidente frattura in cui si aprono anche la Grotta Dimenticata e l'Abisso Pap 1.
Descrizione dei vani interni della cavità I due ingressi della grotta si aprono in una piccola radura pianeggiante che interrompe il brusco pendio della montagna. Nel periodo invernale la cavità funge da ampio inghiottitoio di neve e rimane invasa dal ghiaccio tutto l'anno. Sulle pareti si possono notare evidenti segni di gelifrazione. Il fondo è ostruito da materiali clastici di crollo.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 06-06-1993