Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 53 - Grotta del Cane

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta del Cane
Nome principale sloveno
Numero catasto 53
Numero catasto storico 136VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110154 - Basovizza
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5055137,0
Longitudine Gauss-Boaga 2431270,0
Latitudine WGS-84 45° 38' 38,0423" (45,64390064)
Longitudine WGS-84 13° 51' 40,666" (13,86129612)
Latitudine UTM WGS-84 5055114,2
Longitudine UTM WGS-84 411263,7
Quota ingresso 373
Data esecuzione posizione 11-12-2004
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Ostruito
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 17
Autore posizione Mikolic Umberto
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 271
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 83
Dislivello totale 83
Quota fondo 290
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso No
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata No
Introvabile No
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta è conosciuta fin dall'altro secolo e la prima esplorazione venne effettuata dal Club Touristi Triestini che, avendovi trovato un cane vivo, le attribuirono il nome di Grotta del Cane. La parte allora scoperta rappresenta solamente un tratto dello sviluppo oggi noto, sensibilmente aumentato in seguito all'individuazione, avvenuta nell'ultimo dopo guerra, di un'apertura alta in parete che porta ad un esteso sistema di vani collegati da piccoli pozzi. Alcuni ambienti sono molto concrezionati, in special modo nella parte più interna, ma le visite, assai frequanti in passato, sono oggi molto rare, in quanto gli abitanti delle case vicine hanno preso l'abitudine di gettare nel pozzo iniziale ogni sorta di rifiuti e le carogne degli animali morti per malattia.

NOTA APRILE 2002:
la cavità è stata recintata all'inizio degli anni '90 ed il suo ingresso è stato chiuso da un muro di mattoni messi a griglia.
Rilievo Pianta - Effettuato in data: 31-12-1958