Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5289 - Grotta sulla parete W della Vetta Sciapò

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta sulla parete W della Vetta Sciapò
Nome principale sloveno
Numero catasto 5289
Numero catasto storico 2926FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Carniche
Provincia Udine
Comune Paluzza
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 031044 - Casera Val di Collina
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5162665,0
Longitudine Gauss-Boaga 2363282,0
Latitudine WGS-84 46° 35' 56,5213" (46,59903369)
Longitudine WGS-84 12° 57' 13,696" (12,95380445)
Latitudine UTM WGS-84 5162641,4
Longitudine UTM WGS-84 343278,7
Quota ingresso 1525
Data esecuzione posizione 25-05-1993
Affidabilità posizione Da verificare
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Benedetti Gianni
Gruppo appartenenza GTS - Gruppo Triestino Speleologi
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 130
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 10
Dislivello negativo 41
Dislivello totale 51
Quota fondo 1484
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Gli imbocchi di questa cavità, allineati lungo una cengia sulla parete Ovest della Vetta Sciapò, sono visibili dal sentiero per il Pal Piccolo, da un punto di osservazione poco dopo la caverna 829 FR. Per raggiungerli è stato necessario effettuare una difficile arrampicata di una sessantina di metri.
Descrizione dei vani interni della cavità Si scende lungo un inclinatissimo scivolo (con vari camini comunicanti con l'esterno) per arrivare in una bassa caverna dalla quale si diparte una diramazione ascendente verso destra. Dopo un basso passaggio si giunge in una seconda caverna con un alto camino. Compiuta una risalita sulla parete Sud si intercettano prima un ramo discendente, che porta con dei salti e alcuni scivoli alla massima profondità, poi, con un'ulteriore risalita, ad un ramo ascendente che conduce ad un camino a +10m.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 22-05-1993