Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5253 - Pozzetto del Piccone

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzetto del Piccone
Nome principale sloveno
Numero catasto 5253
Numero catasto storico 5820VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 31-12-1993
Scopritore De Filippo - Claudio
Gruppo scopritore AXXXO - Associazione XXX Ottobre

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110014 - Precenico
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5071938,0
Longitudine Gauss-Boaga 2417380,0
Latitudine WGS-84 45° 47' 35,4009" (45,79316693)
Longitudine WGS-84 13° 40' 46,3712" (13,67954755)
Latitudine UTM WGS-84 5071915,1
Longitudine UTM WGS-84 397374,2
Quota ingresso 190
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 3
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 6.7
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 6.8
Dislivello totale 6.8
Quota fondo 183.2
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Da Malchina si segue la strada sterrata che porta al valico agricolo. Giunti al valico si lascia la strada e si segue il confine (alla dx del valico), sui bordi della prima dolina, si apre l'imbocco del pozzetto.
Descrizione dei vani interni della cavità Trattasi di un pozzetto in cui le concrezioni sono completamente assenti, il primo pozzetto è di nuda roccia, e con un basso passaggio, tramite una strettoia a "buca da lettere" si accede ad una stanzetta sormontata da un alto camino, che per poco non sfocia anch'esso sui bordi della dolina. Su un lato della stanzetta uno sprofondamento in argilla compatta indica un possibile proseguimento della cavità.

A XXX OTTOBRE
Rilievo Completo - Effettuato in data: 12-10-1993