Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5220 - Abisso Dominic

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso Dominic
Nome principale sloveno
Numero catasto 5220
Numero catasto storico 5787VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Goriziano
Provincia Gorizia
Comune Doberdò del Lago / Doberdob
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 088112 - Marcottini
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5080445,6
Longitudine Gauss-Boaga 2407779,6
Latitudine WGS-84 45° 52' 5,6" (45,86822222)
Longitudine WGS-84 13° 33' 14,7" (13,55408333)
Latitudine UTM WGS-84 5080422,7
Longitudine UTM WGS-84 387774,2
Quota ingresso 105
Data esecuzione posizione 19-02-2012
Affidabilità posizione
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0,6m x0,5m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 10.5
Autore posizione Bruzzechesse Marco
Gruppo appartenenza TALPE - Jamarski klub Kraški krti/Gruppo Speleologico Talpe del Carso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 40
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 82
Dislivello totale 82
Quota fondo 23
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso Si
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Partendo da Marcottini verso Devetachi dopo 750 m c'è l'incrocio dove una strada porta verso San Michele. Percorrendo questa verso S Michele dopo 550 m sulla destra troviamo un sentiero che va verso Est, dopo 150 m sulla destra è costeggiato da un tipico muro carsico con pietre a secco. Nella stessa direzione (Est) oltrepassato il muro, dopo 20 m c' ingresso dell'abisso.
Descrizione dei vani interni della cavità L'abisso è stato scoperto nel 1993. Sulla superficie la frattura della roccia in direzione N-S per una lunghezza di circa 6 m.. Lo sviluppo della cavità risulta orientato secondo le direttrici riscontrate all'esterno. Il primo tratto si scende affrontando una fessura in verticale 60 x 40 cm, poi il pozzo si allarga per consentire una comoda discesa. Si giunge in una prima saletta abellita dalle concrezioni e con il suolo coperto da detriti. Da qui con una serie di brevi salti si percorre un piano inclinato con il pavimento coperto da grandi massi. Il meandro nella parte finale si fa più ampio con a destra un camino che sfiora la superficie, mentre sotto di essa infilando una strettoia tra i massi concrezionati, si scende in opposizione un pozzo cieco inclinato per 15 m. Lungo il pozzo notiamo diverse nicchie con numerose concrezioni. In diversi punti la concrezione a forma di grandi fette tende a staccarsi dalla roccia.
L'abisso presenta particolare interesse dal punto di vista geologico. Ritornando al meandro principale si arma sulla sinistra sopra la strettoia che immette ne pozzo (p.to 4). Dopo alcuni metri si giunge su un piccolo terrazzino, all'orlo del pozzo (p.to 6). Si fà l'armo su uno spuntone di roccia e si scende in libera i successivi 32 m. Il pozzo costituirebbe la parte più larga della frattura, la quale avanza in direzione N per una decina di metri. La roccia è di colore grigio scuro con spuntoni e lame taglienti. Si riscontra qualche masso incastrato tra la faglia e altri stanno sporgenti nelle nicchie lungo il pozzo. Nonostante questo l'abisso risulta di facile e gradevole percorribilità. Il fondo del pozzo è costituito da massi di crollo e nella parte opposta l'abisso prosegue in verticale nel dislocamento tettonico che non supera il metro e mezzo di larghezza. Si arma su spit sopra uno stretto passaggio (p.to 8) e si giunge dopo una ventina di metri su un comodo terrazzino che porta ad affacciarsi al pozzetto finale.
(G.S.Talpe del Carso)
Rilievo Completo - Effettuato in data: 10-02-1993
Foto
Data dello scatto: 19-02-2012

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Bregant Luigi

Gruppo di appartenenza: TALPE - Jamarski klub Kraški krti/Gruppo Speleologico Talpe del Carso

Data dello scatto: 19-02-2012

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Bregant Luigi

Gruppo di appartenenza: TALPE - Jamarski klub Kraški krti/Gruppo Speleologico Talpe del Carso