Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5208 - Grotta del Monte Brole

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta del Monte Brole
Nome principale sloveno
Numero catasto 5208
Numero catasto storico 2908FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Aviano
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 064072 - Pradalto
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5110020,0
Longitudine Gauss-Boaga 2333183,0
Latitudine WGS-84 46° 7' 4,7216" (46,11797822)
Longitudine WGS-84 12° 34' 55,6766" (12,58213238)
Latitudine UTM WGS-84 5109997,8
Longitudine UTM WGS-84 313179,3
Quota ingresso 670
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 8
Sviluppo spaziale 8
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 2
Dislivello negativo
Dislivello totale 2
Quota fondo 670
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Il terreno sottostante la grotta è essenzialmente costituito da una pietraia degradante dalla grotta verso il paese di Glera di Giais. Dalla pedemontana si imbocca via Glera in direzione Malga Palussa. Giunti alla pietraia si prosegue fino al 6° tornante; in alto a sinistra c'è la grotta.
Descrizione dei vani interni della cavità Si tratta di un unico vano, un tempo probabilmente usato come riparo. Ricerche sistematiche effettuate dal Conte di Ragogna hanno riportato alla luce, in località vicine alla grotta, alcuni utensili litici preistorici.
La grotta è conosciuta dai paesani per la leggenda che narra di una vecchia strega che, dall'alto del Monte Brole, provocò una frana (la pietraia) verso il paese per vendicarsi dei dispetti che i paesani le avevano fatto.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 17-03-1993