Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5184 - Grotta delle Candele

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta delle Candele
Nome principale sloveno
Numero catasto 5184
Numero catasto storico 5767VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 109042 - Sistiana
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5069160,0
Longitudine Gauss-Boaga 2413945,0
Latitudine WGS-84 45° 46' 3,5464" (45,76765179)
Longitudine WGS-84 13° 38' 9,5024" (13,6359729)
Latitudine UTM WGS-84 5069137,2
Longitudine UTM WGS-84 393939,3
Quota ingresso 62
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 62
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 31.2
Dislivello totale 31.2
Quota fondo 30.8
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre al di sotto di una paretina, sul livello più alto della Cava di Sistiana.
Descrizione dei vani interni della cavità Cavità riccamente concrezionata il cui nome deriva dal ritrovamento di resti di candele.
Dall'ingresso si scende in arrampicata per un breve tratto e superate alcune belle colonne, si giunge in una prima stanzetta. Da qui si scende un pozzo inclinato, di 9m, e dopo un restringimento dovuto ad un secondo notevole gruppo colonnare, si supera una strettoia "a botola" con un saltino in libera di 2m, sotto il quale ci si trova in una galleria meandriforme in forte discesa. Sul lato sinistro, all'altezza della volta, si sviluppa un ramo laterale ascendente di 13m, dalla morfologia complessa. Il proseguimento del ramo principale è invece ostacolato, a -26, da un consistente deposito calcitico che si supera in alto, mediante un pertugio. Dopo un ulteriore salto di 2m ed un tratto meandriforme in discesa si giunge alla cavernetta finale dal suolo melmoso e con le pareti ricoperte da un sottile strato di fango.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 29-08-1992