Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5177 - Abisso Pack Man

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso Pack Man
Nome principale sloveno
Numero catasto 5177
Numero catasto storico 2889FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050022 - Sella Prevala
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5136751,0
Longitudine Gauss-Boaga 2402169,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 25,8765" (46,37385457)
Longitudine WGS-84 13° 28' 4,2734" (13,46785373)
Latitudine UTM WGS-84 5136727,2
Longitudine UTM WGS-84 382164,6
Quota ingresso 1855
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 560
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 195
Dislivello totale 195
Quota fondo 1660
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso
partendo dalla stazione a monte della funivia si svolta verso sinistra (Pic Majot), seguendo la pista che porta sul fondo del piano del Prevala. Dopo circa 250m dalla stazione la pista piega verso destra, per scendere sul
piano e qui la si abbandona per seguire delle tracce su manto erboso e tra mughi per arrivare dopo circa 30m di dislivello all'imbocco della grotta.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità è stata scoperta casualmente, durante il ritorno da una battuta di zona, grazie alla forte corrente di aria fredda che fuoriesce dall'imbocco. L'esplorazione è impegnativa e pericolosa per la presenza di varie strettoie e meandri al limite dell'agibilità intercalati da brevi pozzi franosi, ad eccezione del P35 e del P65 gli unici, del resto, a dare un po' di pregio alla grotta. In effetti il pericolo di crolli è costante in tutta la cavità ed in certi punti desta meraviglia il fatto che enormi blocchi di crollo incastrati l'uno nell'altro riescano a stare sospesi nel vuoto dei pozzi e dei meandri. La parte più interessante è comunque quella finale; infatti sul fondo della cavità si è trovata la stessa sabbia grigiastra che è presente sul fondo del sovrastante piano del Prevala, ed inoltre il meandro attivo che parte dal fondo innalzandosi in quota, si sviluppa proprio in direzione del piano e ciò conferma il fatto che l'abisso funge, nella parte più bassa, da collettore (in tutto o in parte) delle acque che defluiscono sul fondo della conca del Prevala. Non è da escludere un collegamento con la sottostante sorgente Bareit situata a circa 150m più sotto, ma ciò potrà essere confermato solo da un futuro lavoro di colorazione delle acque.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 01-01-1992