Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 516 - Caverna 1° della Forra

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Caverna 1° della Forra
Nome principale sloveno
Numero catasto 516
Numero catasto storico 240FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Clauzetto
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048151 - Clauzetto
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5123642,0
Longitudine Gauss-Boaga 2357069,0
Latitudine WGS-84 46° 14' 47,7879" (46,24660774)
Longitudine WGS-84 12° 53' 10,849" (12,88634695)
Latitudine UTM WGS-84 5123619,2
Longitudine UTM WGS-84 337065,1
Quota ingresso 492
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 160
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 20
Dislivello totale 20
Quota fondo 472
Vincolo paesaggistico Non definito
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità Più che di una caverna si tratta di una galleria a condotta forzata, accessibile interamente solo in periodi di magra, che ad un certo punto (n.3 nel rilievo) costringe a procedere carponi e che, a detta della gente del luogo, dovrebbe comunicare con un'ampia dolina sita a breve distanza.
La direzione è Nord sino al lago finale, il quale poi a gira bruscamente ad ESE. Oltre il lago, esplorato per una lunghezza di 37m, è stato visitato il sifone terminale, risultato lungo una ventina di metri e cieco.
Durante la visita del 7 aprile 1964 la grotta era invasa dall'acqua sino all'ingresso.
Per la sua posizione sul fondo della forra del Torrente Cosa, la cavità funziona da scarico in caso di piena, per quanto esista a 60m dall'ingresso una sorgente che attinge evidentemente da perdite a monte del Torrente.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 26-01-1964