Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5138 - Pozzo del Laminatoio

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo del Laminatoio
Nome principale sloveno
Numero catasto 5138
Numero catasto storico 2867FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Resia
Tipo carta
Carta CTRN 1:5.000 049081 - Monte Musi
Tipo posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5132227,0
Longitudine Gauss-Boaga 2390253,0
Latitudine WGS-84 46° 19' 51,5253" (46,33097925)
Longitudine WGS-84 13° 18' 51,2484" (13,31423568)
Latitudine UTM WGS-84 5132203,5
Longitudine UTM WGS-84 370248,7
Quota ingresso 1440
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 6
Autore posizione Malandrino Paolo
Gruppo appartenenza GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 10
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 54
Dislivello totale 54
Quota fondo 1386
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Da sentiero dietro il cartello che indica "Sella Carnizza q. 1086 m" si arriva a q 1408, seguendo il sentiero in pendenza. Quando il sentiero ha un andamento suborizzontale, si è giunti vicino alla cavità chiamata "frigo". La cavità si trova a 50 m indirezione NNO dal "frigo".
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità è stata individuata per le sue emissioni di aria calda che avevano sciolto la neve attorno all'ingresso. Con lavoro di scavo si è riusciti a far scendere uno speleologo esile.
La cavità è impostata su una frattura con direz. 70° 250°. Il pozzo dopo la strettoia è di dimensioni ridotte e scende quasi fino alla massima profondità, seguendo una leggera inclinazione. Sul fondo della cavità si è tentato una risalita senzo esito. Le pareti del pozzo sono poco stabili a causa di intensi fenimesi di gelifrazione.
Desta interesse il fatto che questa cavità si apre sulla stessa faglia dell'abisso Freezer e dell'abisso Pahor.

G.S.S.GIUSTO
Rilievo Completo - Effettuato in data: 01-01-1992