Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5101 - Abisso Roberto Pahor

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso Roberto Pahor
Nome principale sloveno
Numero catasto 5101
Numero catasto storico 2830FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Resia
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 049081 - Monte Musi
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5132279,0
Longitudine Gauss-Boaga 2390081,0
Latitudine WGS-84 46° 19' 53,0908" (46,3314141)
Longitudine WGS-84 13° 18' 43,1555" (13,31198765)
Latitudine UTM WGS-84 5132255,5
Longitudine UTM WGS-84 370076,7
Quota ingresso 1425
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 10
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 1091.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 485
Dislivello totale 485
Quota fondo 940
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso Si
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre in una grande faglia ad andamento Est-Ovest ed immersione Nord.
Per raggiungere l'ingresso si segue il sentiero che da Sella Carnizza conduce alla Madonna dei Cacciatori, sotto la cima del Monte Musi. Il sentiero (che non è segnato sulla C.T.R.) è ben tracciato sul terreno con vernice rossa. Quando il sentiero assume un andamento suborizzontale, a quota 1440, si è giunti in prossimità della cavità, che si apre in direzione W, a circa 50m dal sentiero.
Descrizione dei vani interni della cavità L'abisso inizia con un pozzo, profondo 10m, che si sviluppa tra enormi massi di crollo. Alla sua base si apre l'imbocco di un altro pozzo, di 42m, detto "il Liscio", di ampie dimensioni, intervallato da alcuni ponti naturali. In direzione NW, un pozzo di 15m dà accesso ad una serie di gallerie meandriformi discendenti. Le gallerie, caratterizzate da un fondo di pietrame mobile e perciò denominate "le Scale Mobili", sfociano su due pozzi di 15m, resi estremamente pericolosi dalle pietre instabili. Un tortuoso meandro dà adito ad un ampio pozzo, con sezione ellittica, denominato "Pozzo dei Delfini". Alla sua base si può notare un forte e persistente stillicidio che si disperde tra le ghiaie del fondo. La cavità continua verso Nord con una galleria discendente, sul suolo della quale si notano tracce di ampi depositi sabbiosi misti a fine pietrisco. Al suo termine ci si trova all'imbocco di un pozzo stretto, di 14m di profondità, sulle cui pareti scorre un velo d'acqua, presente in tutti i periodi dell'anno. Si giunge così alla sommità di un'enorme frattura, con orientamento 140°-320° ed una lunghezza di circa 50m. Su questa frattura è impostato un enorme pozzo denominato "il Sogno di Pacoriglio", profondo 65m e largo 8m, dalle pareti lisce e levigate. Alla sua base, dopo una china detritica, si apre dapprima un pozzo di 34m e quindi, tra ciclopici massi di crollo, un altro pozzo parallelo, profondo 47m. Quest'ultimo, denominato "la Gorna", è di grandi dimensioni e funge da collettore delle acque provenienti da un camino soprastante. In occasioni di forti precipitazioni il pozzo viene occupato da una vera e propria cascata. Dalla base di questo pozzo inizia al seconda parte di questa cavità, priva di grandi verticali, caratterizzata da piccoli salti e stretti meandri.
In direzione SE, una breve galleria termina in un'angusta strettoia, denominata "la Ranzida", che a sua volta dà accesso ad una serie di piccoli pozzi, rispettivamente di 10m-7m-8m di profondità. Alla base dell'ultimo di questi 3 pozzi, fra massi di crollo, si apre un altro pozzo, di 20m, dopo il quale la cavità continua con una successione di altri pozzi, non ancora discesi.
Ritornando tra i massi di crollo alla base del pozzo di 8m di profondità, dopo una facile risalita la cavità continua con un'altra serie di pozzi tra i quali uno di 27m, dalle pareti levigate, battuto da un insistente ruscellamento d'acqua. Dopo questo, un saltino di 6m porta ad una saletta che dà accesso a due diramazioni: verso Est, risalendo una china fangosa, si giunge in una sala sulla cui volta sbocca un pozzo di 45m (parallelo al pozzo di 27m); in direzione NW si prosegue verso il fondo. Dopo un pozzo di 17m inizia un meandro che, a piccoli salti, conduce verso il fondo, dove le esigue dimensioni del meandro non consentono il passaggio. Su questo fondo si disperdono le acque di ruscellamento, lasciando sulle pareti depositi di sabbia.
All'ingresso della cavità è stata apposta una targa commemorativa dedicata a Roberto Pahor.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-12-2000