Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5087 - Grotta Omar

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta Omar
Nome principale sloveno
Numero catasto 5087
Numero catasto storico 5737VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110013 - San Pelagio
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5068953,8
Longitudine Gauss-Boaga 2417081,8
Latitudine WGS-84 45° 45' 58,5743" (45,76627065)
Longitudine WGS-84 13° 40' 34,8484" (13,67634677)
Latitudine UTM WGS-84 5068931,0
Longitudine UTM WGS-84 397076,0
Quota ingresso 193
Data esecuzione posizione 15-03-2015
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 065 x 065
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 3.4
Autore posizione Rupini Luciano
Gruppo appartenenza GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 329
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 147
Dislivello totale 147
Quota fondo 46
Vincolo paesaggistico No
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Per raggiungere la grotta si percorre il sentiero che da S.Pelagio conduce alla grotta Lindner (829/3988VG); un centinaio di metri prima di quest'ultima, in prossimità di una linea di alta tensione, si prende una traccia sulla destra che, dopo un'ottantina di metri, porta ad un piccolo pianoro fra arbusti, al margine del quale si apre l'ingresso.
Descrizione dei vani interni della cavità Disceso il pozzetto d'accesso, si giunge ad una cavernetta nella quale, dietro a delle colonnine, sprofonda il secondo pozzo, costituito da una diaclasi che presto si allarga venendo a formare una grande caverna riccamente concrezionata.
Alla base del pozzo ci si trova da un lato sulla sommità della caverna, dall'altro all'ingresso di un alto corridoio che si può percorrere verso SW, giungendo in una sala di 9mx25m che ha una parete completamente ricoperta da una grande colata calcitica e che presenta alcuni gruppi colonnari.
La caverna principale invece, si sviluppa in lieve discesa e misura 12mx30m con un altezza media di 14m.
Verso la parte finale l'ambiente è molto suggestivo: sul lato sinistro incombe un'imponente colata alta una decina di metri che termina verso il basso con un gruppo di stalattiti a canne. Sotto questa colata si apre l'ampio ingresso imbutiforme di un primo pozzo per la via del fondo. Sul suo lato destro inizia una traversata, armata con un cavo metallico, che porta ad una nicchia con alcune stalagmiti dietro alle quali si apre un piccolo pozzo parallelo di 18m, che sbocca in una seconda caverna, pure riccamente concrezionata, che misura 10mx15m, formata da due piani divisi da uno spesso diaframma di calcite sul quale si sono formate numerose colonne. Verso destra si nota inoltre un pozzetto fangoso cieco, verso sinistra un pozzo di 11m con una saletta inferiore di 5mx11m e, nella parte finale, una serie di cavernette sovrapposte, suddivise da grossi ponti di calcite. Tornando nella caverna principale si può visitare anche il ramo del fondo. Ad un primo pozzo, a catino, di 12m segue uno di 32m con diverse finestrelle e pozzi paralleli alternativi. Si giunge così, dall'alto, in una saletta di 5mx5m, con un laghetto verso W e l'accesso ad una serie di pozzetti verso E, divisi da strettoie in parte allargate. Dopo un ultimo meandrino di 4m, si accede al pozzo finale, di 12m, che presenta diverse nicchie ben concrezionate. Da una di esse proviene un piccolo corso d'acqua che, dopo una breve cascatella, si perde in una fessura sul fondo, alla profondità di 106m. Questo rigagnolo potrebbe però essere temporaneo, dato che il rilevamento della cavità è stato fatto in un periodo alquanto piovoso. Va ricordato che la seconda caverna è ubicata molto vicino alla parte iniziale del pozzo di 32m della via del fondo, a tal punto da riuscire a parlarsi, probabilmente attraverso una colata calcitica che divide i due ambienti.
La grotta, scoperta dal Gruppo Grotte Carlo Debeljak, esplorata anche dal Gruppo Speleologico San Giusto e rilevata dal G.G.C.Debeljak e dalla Commissione Grotte E. Boegan, è stata dedicata ad Andrea Baruzza, conosciuto come "Omar", speleologo della Commissione Grotte E. Boegan, morto in giovane età.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 24-10-1993
Foto
Data dello scatto: 15-03-2015

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Premiani Furio

Gruppo di appartenenza: GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Data dello scatto: 15-03-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Premiani Furio

Gruppo di appartenenza: GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Data dello scatto: 15-03-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Premiani Furio

Gruppo di appartenenza: GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto