Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 5075 - Caverna degli Orsi

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Caverna degli Orsi
Nome principale sloveno Medvedja jama
Numero catasto 5075
Numero catasto storico 5725VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 31-12-1992
Scopritore De Filippo - Claudio
Gruppo scopritore AXXXO - Associazione XXX Ottobre

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune San Dorligo della Valle / Dolina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110153 - San Dorligo della Valle
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5050725,0
Longitudine Gauss-Boaga 2431691,0
Latitudine WGS-84 45° 36' 15,3021" (45,60425059)
Longitudine WGS-84 13° 52' 2,9867" (13,86749631)
Latitudine UTM WGS-84 5050702,2
Longitudine UTM WGS-84 411684,7
Quota ingresso 367
Data esecuzione posizione 31-08-2001
Affidabilità posizione 3° gruppo riposizionamento regionale GPS (2001)
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1m x 0,7
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 11
Autore posizione Manzoni Marco
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Autore posizione Rucavina Paolo
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 135
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 14
Dislivello negativo 11
Dislivello totale 25
Quota fondo 356
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Si segue il sentiero che da Crogle sale sul Monte Carso. Poco dopo la vedetta omonima, all'altezza della tabella che indica "confine a 300m", si prosegue sulla destra, lungo la mulattiera che porta alla "Grotta di Crogle" (535/2726VG). Al primo tornante si abbandona la mulattiera e si sale direttamente il pendio fino a raggiungere i 360m di quota. Sempre a questa quota, ci si dirige verso Sud, per circa 80m, su terreno accidentato, tra arbusti, fino ad individuare una fascia di rocce verticali alla base della quale si apre la cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo di accesso, di circa 11m, inizia in strettoia, rimanendo stretto per circa 2m ed aprendosi a campana subito dopo. Discesolo, si entra direttamente nella galleria principale.
La cavità, per certi aspetti, ricorda la vicina Grotta di Crogle, specie immaginando che la galleria sfociasse direttamente all'esterno, rimanendo in seguito ostruita da una frana caduta dall'alto. A conferma di quest'ipotesi, il pendio sottostante l'ingresso odierno della cavità è costituito proprio da massi di varia grandezza, scarsamente colonizzati da radi arbusti.
La grotta è costituita da un'unica galleria, con uno sviluppo planimetrico totale di 135m, a sezione costante e ricoperta da uno spesso rivestimento calcitico, via via più accentuato procedendo, in salita, verso il fondo della galleria.
Dopo il tratto iniziale, dal fondo livellato da uno strato di argilla solidificata con vistose screpolature, la galleria comincia a salire ed il pavimento si ricopre di calcite fino al tratto terminale, che torna pianeggiante e con depositi di argilla, per concludersi con un camino, interamente calcificato. Risalitolo interamente, il camino non ha offerto possibilità di prosecuzione, vista l'impraticabilità di una fessura nella nicchia terminale, che viene a trovarsi circa 14m più in alto dell'ingresso.
Numerosissime "unghiate" oblique, costituite da 3 o 4 solchi paralleli distanti pochi millimetri l'uno dall'altro e molto regolari, incise anche di recente sulla colata calcitica, fanno ritenere che la cavità sia frequentata (attraverso lo stretto pertugio in fondo alla nicchia terminale?), da qualche rapace notturno.
Lungo tutta la cavità si osservano numerose stupende concrezioni, specialmente stalagmitiche, alcune simili ad enormi marmitte finemente cesellate e di un candore immacolato. A circa metà della galleria un poderoso gruppo stalagmitico, in parte inclinato, riduce a metà la sezione della galleria. Dopo la prima curva della galleria, un esteso laminatoio è reso impraticabile da una selva di cannule fragilissime. Anche i depositi di argilla nel tratto pianeggiante iniziale della galleria, sono qua e là ricoperti da un leggero strato di calcite e, poco dopo il pozzo di accesso, vi sono alcune vaschette piene d'acqua.
Durante l'esplorazione della grotta sono stati rinvenuti almeno una decina di crani, mandibole, ossa femorali e grappoli di vertebre di "Ursus Spelaeus", assieme a crani ed altre ossa di animali di taglia più piccola.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 17-01-1992
Foto
Tipo inquadratura: Esterno