Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 4986 - Abisso 1° a N del Pic Majot

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso 1° a N del Pic Majot
Nome principale sloveno
Numero catasto 4986
Numero catasto storico 2756FR
Numero totale ingressi 3

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050021 - Sella Nevea
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5137143,0
Longitudine Gauss-Boaga 2402653,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 38,8748" (46,37746522)
Longitudine WGS-84 13° 28' 26,5669" (13,47404636)
Latitudine UTM WGS-84 5137119,2
Longitudine UTM WGS-84 382648,6
Quota ingresso 1640
Data esecuzione posizione 20-08-1989
Affidabilità posizione Da verificare
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 20
Autore posizione Guglia Paolo
Gruppo appartenenza SAS - Società Adriatica di Speleologia
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 138
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 115
Dislivello totale 115
Quota fondo 1525
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità s'apre in corrispondenza di una fitta macchia di pini mughi, su un pianoro situato una sessantina di metri più in basso del sentiero CAI numero 636.
L'ingresso è formato da alcuni pozzi paralleli, impostati su due grandi fratture parallele.
Descrizione dei vani interni della cavità Si tratta di una cavità formata da un susseguirsi di pozzi verticali, profondi da un minimo di 5m ad un massimo di 33m, intercalati da brevi meandri.
Solamente a 100m di profondità l'andamento regolare dell'abisso si complica in corrispondenza di una cavernetta interessata da una frana di grandi massi incastrati fra le pareti, da cui si diparte un basso cunicolo.
Questo diventa impraticabile dopo circa 20m in una bassa saletta alla profondità massima di 115m.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 20-08-1989